“La Vita ha bisogno di te …Amala!”  ( Premio Valeria M.)  AIFVS
         
Cerca nel sito
Ricerca personalizzata
Giornata mond. ONU
Menù principale
+ Iniziative nazionali
+ Attualità
+ Iniziative Sedi
+ Opuscoli Memorie
+  Giustizia
+  Prevenzione
+ Assistenza Psicologica
+ Filmati Media & TV
+ In caso di incidente
+ Le vergogne
+ Convegni nazionali
+ Libri & Poesie
+ Archivio
+ Appelli e ricerca testimoni
+ Collaborazioni
+ Comunicati stampa
+ Contatti & mail
+ Punto d'ascolto
+ Sondaggi AIFVS
+ Testimonianze
+ pages
L'Associazione AIFVS
Video AIFVS
+ Memorial
+ Servizi giornalistici 2015
+ Servizi giornalistici 2014
+ Video Memorie
Agenda
Galleria foto
+ Fiaccolata per Umberto e Daniele
+ Giornata Mond. Del Ricordo
+ Grosseto
+ I Corti di Mauri
+ La AIFVS dal papa
+ Manifestazioni delle croci
+ Memorial Stefano e Fabio
+ Mobility DAI
+ Motor Show
+ Riva-del-Garda
+ Sede Cinisello B
+ Sede Matera
+ Sede Torino
+ Sede di Potenza
+ SicilyAwards
+ Una notte per la vita
+ UnioneNazionaleCavalieri
+ articoli stampa nazionale
+ calcio
+ fossalta
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork
 

Chiudi

Altri Video

fermer Mettici la testa 2006 parte 1

fermer Mettici la testa 2006 parte 2

fermer Mettici la testa 2009 parte 1

fermer Mettici la testa 2009 parte 2

fermer Sensibilizzazione

fermer Video della vergogna

fermer Servizi TG

fermer Servizi giornalistici

fermer Sicurezza stradale

fermer Video shock

Giornata del ricordo
POLICY socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 1733

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 5
News


TG2insieme-01.10.2014.jpg
Trasmissione Tg2 Insieme del 01/10/2014:
 In studio la presidente dell'Associazione Italiana Familiari e vittime della strada onlus  Giuseppa Cassaniti 


Sassano_quattro_ragazzi_uccisi.jpg
Trasmissione Unomattina del 30/09/2014:
 In studio la presidente dell'Associazione Italiana Familiari e vittime della strada onlus  Giuseppa Cassaniti e l'avv. Giammarco Cesari.


La sede di Bologna responsabile Gabriele Torsello partecipa alla manifestazione del Volontariato del 21 sett. 2014 che si svolgerà a Bologna  presso i Giardini  Margherita per l'intera giornata,  saremo  presenti col ns. stand  assieme alla Polizia  Stradale con varie iniziative,  nella postazione "E", vicino al Piazzale Jacchia.

volontass_Citta-BO.gif


A Castelvetrano (TP) intitolata una via alle Vittime della Strada. L’impegno di un nostro associato.

Il Sindaco della città di Castelvetrano Selinunte, Avv. Felice Errante, unitamente agli assessori Paolo Calcara, Maria Rosa Castellano ed Antonio Centonze ha presenziato all'intitolazione di un'arteria cittadina alle Vittime della strada. Dopo l' esecuzione dell'inno nazionale, e la benedizione di Don Onesimo Kamau, si è provveduto alla scopertura della targa in un clima di grande raccoglimento. L’iniziativa dell’Amministrazione nasce su sollecitazione della famiglia Nicastro che, dopo aver perso tragicamente una figlia a causa di un incidente stradale, aveva chiesto alla civica amministrazione di intestare una via della città alla memoria dei tanti concittadini che hanno perso la vita a causa di tragici incidenti. L'iter era stato avviato dalla precedente amministrazione che aveva provveduto anche alla riqualificazione della strada in questione, ed è arrivato a compimento nei giorni scorsi dopo le necessarie autorizzazioni. " Siamo lieti di aver potuto accontentare dei nostri concittadini che hanno vissuto la tragedia di perdere un congiunto e li stringiamo in un ideale abbraccio- ha detto il primo cittadino- ma seppur questo atto non potrà lenire in alcun modo l' immenso dolore , sarà utile a ricordare a tutti coloro che percorreranno questa via quanto sia importante mantenere desta l'attenzione quando ci si mette alla guida per garantire la propria e l'altrui incolumità".

La nuova arteria una traversa che congiunge la via Pastrengo con la via Frosina Cannella, e vi si può accedere sia dalla via Mazara che dalla via Carlo Borsani.

INTITOLAZIONE_STRADA.png

pdf.gif
Leggi tutto

 

LEADBOARD_728X90.jpg

A Roma, sull’isola Tiberina, un importante convegno sullo sviluppo sostenibile

Alleghiamo il programma ed il comunicato stampa

  pdf.gif
Programma
  pdf.gif
Comunicato stampa
 

 

 


 AIFVS onlus Reggio Emilia.

La sede di Reggio Emilia , e sedi limitrofe collegate saranno presenti in questa importante iniziativa--FIERA DELLA SICUREZZA STRADALE.  il 19- 20 -21 di settembre a Scandiano di Reggio Emilia,, domenica 21/09 alle ore 11,00 ci sarà la santa messa in memoria di le vittime della strada presso la Parrocchia Natività Beata Vergine Maria di Scandiano, presiederà Mons. Paolo Rabitti Vescovo Emerito di Ferrara-Comacchio.
Parteciperà il Coro S. Sebastiano della Polizia Municipale di Reggio Emilia.

 

Banner_Scandiano_RE-2014.jpg


Vacanze coi fiocchi 2014 - da AIFVS onlus il 02/08/2014 * 17:11

image001.jpg
 
La nostra AIFVS Sede di Boretto RE , sarà presente sabato 2 agosto delle ore 9.00 alle 12.30 per promuovere la campagna sulla sicurezza stradale., VACANZE COI FIOCCHI . Promossa di Antartide di Bologna con la nostra partecipazione,, tanti volontari pronti a sensibilizzare tutti viaggiatori che partono per le vacanze.
 
Autostrada A1 STAZIONE TERRA DI CANOSSA - CAMPEGINE REGGIO EMILIA  delle ore 9 alle 12.30 sabato 2 agosto 
 
Ogni state, di giugno a settembre, si perdono tante vite sulle strade, non sono quasi mai vittime del caso o della fatalità , ma piuttosto del mancato rispetto delle regole da parte di chi guida. Allora per fare VACANZE COI FIOCCHI, diamo un passaggio alla sicurezza e accendiamo la testa, prima ancora del motore, Allacciamo le cinture , anche quelle sui sedile posteriori, rispettiamo i limiti di velocità, lasciamo a casa la fretta e la distrazione , manteniamo le distanze di sicurezza, guidiamo sobri e riposati,  guida con calma ........buone vacanze!! 
 
Grazie mille per la vostra attenzione contiamo con la vostro aiuto "uniti per fermare la strage stradale" 
 
Familiari e vittime della strada
Montano Sol Maria
sede Boretto RE
 
pdf_h.png

Depliant

COMUNICATO STAMPA
 
IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO, FEDERICA GUIDI, CONTRO LE VITTIME DELLA STRADA
 
Oggi all’assemblea dell’ANIA abbiamo sentito affermare dal Ministro Guidi che bisogna abbassare il risarcimento del danno alla persona per potere ridurre le tariffe assicurative.
Per il Ministro ha valore l’utile e il denaro, non la persona con suoi problemi.
Il Ministro non ha tenuto conto che negli ultimi 10 anni i sinistri si sono ridotti del circa 50% e, gli utili del settore RCAuto hanno raggiunto la cifra di quasi 2 miliardi e mezzo di euro. Anziché riferirsi alla mancanza di concorrenza su un mercato concentrato su tre compagnie, ritiene di sacrificare i diritti delle vittime della strada in nome di dati forniti dagli studi di consulenza che lavorano per le assicurazioni e di insostenibili confronti tra paesi europei.
Abbiamo più volte espresso che l’unico punto di riferimento per il risarcimento del danno alla salute, è basato sulle tabelle di Milano, che offrono certezza dei parametri risarcitori evitando le lungaggini dei contenziosi, a cui le esporrebbero tabelle inadeguate.
Le tabelle di Milano sono adottate da tutti i tribunali superando ogni sperequazione.
L’associazione, che aderisce alla carta di Bologna, condivide con tanti attori una serie di proposte con il fine di aumentare la concorrenza nel mercato assicurativo a cui consegue l’abbassamento dei premi e la garanzia dei diritti delle vittime. 
01/07/2014
                                                                                                                                                                                                                                               Giuseppa Cassaniti Mastrojeni                                                                                                                                                                                                          Presidente AIFVS

 

 


Giustizia per il piccolo Jonathan?

Nel marzo del 2014 il Tribunale di Ravenna conclude la vicenda giudiziaria per l’uccisione sulle strisce pedonali di Santina Minardi, irrogando all’imputato una pena di 6 mesi sospesa e il ritiro della patente per 5 mesi. 

È superfluo dire che tali pene irrisorie e derisorie non solo offendono le vittime ed i familiari ma delegittimano anche la stessa funzione pacificatrice della giustizia. 

Nella vicenda giudiziaria di Santina Minardi era p.m. il procuratore capo di Ravenna Alessandro Mancini, lo stesso magistrato che ha dichiarato “gravi e convergenti” gli indizi a carico di Dimitrov Krasimir per la recente uccisione del piccolo Jonathan.  

L’AIFVS riscontra che nella vicenda giudiziaria per l’omicidio di Santina Minardi il p.m., appiattendosi nel richiedere il massimo del minimo possibile della pena, non ha valutato la gravità del reato e soprattutto la condotta successiva dell’imputato che ha dichiarato che il pedone non stava sulle strisce, alterando così la verità ed addossando alla vittima la responsabilità della sua colpa. E poi, in udienza,  non ha reagito all’assurda affermazione della difesa che l’omicidio di un pedone è una “fatalità della vita moderna”, ed ha subito accolto la richiesta di accordo ad un patteggiamento a soli 4 mesi di pena, opponendosi addirittura alla costituzione di parte civile dell’AIFVS, accolta dopo dalla giudice Antonella Guidomei.

Vista la superficialità burocratica con cui è stata trattata una vicenda umana accaduta nello stesso territorio nel quale ha perduto la vita il piccolo Jonathan, l’AIFVS  manifesta viva preoccupazione, ed auspica che l’esperienza negativa dei familiari della vittima, nella trattazione del caso di Santina Minardi, faccia riflettere i magistrati, perché siano attenti ai problemi umani che ogni caso implica e siano capaci di dare peso ai diritti distrutti, tanto da irrogare all’imputato non la pena minima ma la pena congrua.

                                                                                                                                       
   Giuseppa Cassaniti Mastrojeni
                                                                                                                     Presidente AIFVS

   29/06/2014

 


Sentenza processo minardi


Comunicato stampa AIFVS del 27/06/2014

Ancora omicidi di bambini pedoni, ieri un bambino di due anni.

Perché?

Una domanda che diventa stringente non solo perché non è accettabile che sulle strade si distrugga la vita, ma perché la mancata tutela dell’utenza debole nelle città chiama in causa anche la responsabilità delle istituzioni, che sottovalutano le indicazioni del Piano Europeo 2011-2020, il cui obiettivo è la “Visione Zero” e la “sicurezza per tutti”.

Dentro tale obiettivo assume particolare valenza l’utenza debole, sulla cui tutela vanno misurati gli interventi di prevenzione.

L’AIFVS, nel rilevare che il problema della sicurezza per tutti è un obiettivo di cui in Italia non si ha ancora consapevolezza, auspica che almeno gli omicidi di bambini avvenuti con continuità spingano le istituzioni ad uscire dalla superficialità nella trattazione del problema della strage stradale, a livello di territorio, di comunicazione e di giustizia. Osservare un giorno di lutto cittadino, come è avvenuto ad Iesolo, deve significare non solo vicinanza al dolore, ma anche il primo passo al quale deve seguire l’impegno a rendere le città sicure, vivibili e a misura d’uomo. Le possibilità esistono, è necessario analizzare il territorio, eliminare le situazioni di rischio nelle infrastrutture e nella mobilità, utilizzare controlli diretti e dispositivi tecnologici che aiutino a prevenire l’incidente.

La semplice presenza delle strisce pedonali non è sufficiente a dare adeguate condizioni di sicurezza specie agli utenti più deboli: è ormai necessario prevedere  in modo diffuso la costruzione  di un marciapiede salvagente centrale tra le due corsie opposte che assicuri un punto di sosta per attraversare la carreggiata in sicurezza. Ci sono anche dispositivi luminosi verticali da utilizzare in prossimità delle strisce, che segnalano la presenza del pedone, indicando al guidatore di fermarsi.

Stesso criterio (marciapiede) andrebbe adottato per tutte le intersezioni a “T” con le Provinciali e le Statali superando l’inadeguata segnalazione mediante  sola verniciatura  della corsia di uscita e di immissione nella strada.

Ma tutto ciò non basta per la sicurezza, poiché le situazioni concrete sono complesse, come l’ultimo episodio del bimbo di due anni che muore perché in modo improvviso è sfuggito alla tenuta della madre.

Riteniamo, pertanto, che, oltre a corrette progettazioni e controlli, ci sia urgente bisogno di un’informazione formativa, che raggiunga tutti e solleciti anche il pedone a sentirsi parte di una rete di relazioni complesse che richiede conoscenze e grande senso di responsabilità. Ed è per questo che chiediamo alla tv di dare spazio, nei tempi di maggiore ascolto televisivo, ad una comunicazione sistematica sulla sicurezza, individuando cause e responsabilità, problemi e soluzioni.

Non è mai troppo tardi per la sicurezza stradale.

 

                                                                                                           Giuseppa Cassaniti Mastrojeni

                                                                                                                    Presidente AIFVS


InizioPrecedente [ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ] 10 pagine seguentiSuccessivoFine
Social

^ Torna in alto ^