“Perditi in un bicchiere …d’acqua, aiuterai la vita”   AIFVS onlus
         
Cerca nel sito
Ricerca personalizzata
Giornata mond. ONU
Menù principale
+ Iniziative nazionali
+ Attualità
+ Iniziative Sedi
+ Opuscoli Memorie
+  Giustizia
+  Prevenzione
+ Assistenza Psicologica
+ Filmati Media & TV
+ In caso di incidente
+ Le vergogne
+ Convegni nazionali
+ Libri & Poesie
+ Archivio
+ Appelli e ricerca testimoni
+ Collaborazioni
+ Comunicati stampa
+ Contatti & mail
+ Punto d'ascolto
+ Sondaggi AIFVS
+ Testimonianze
+ pages
L'Associazione AIFVS
Video AIFVS
+ Memorial
+ Servizi giornalistici 2015
+ Servizi giornalistici 2014
+ Video Memorie
Agenda
Galleria foto
+ Fiaccolata per Umberto e Daniele
+ Giornata Mond. Del Ricordo
+ Grosseto
+ I Corti di Mauri
+ La AIFVS dal papa
+ Manifestazioni delle croci
+ Memorial Stefano e Fabio
+ Mobility DAI
+ Motor Show
+ Riva-del-Garda
+ Sede Cinisello B
+ Sede Matera
+ Sede Torino
+ Sede di Potenza
+ SicilyAwards
+ Una notte per la vita
+ UnioneNazionaleCavalieri
+ articoli stampa nazionale
+ calcio
+ fossalta
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork
 

Chiudi

Altri Video

fermer Mettici la testa 2006 parte 1

fermer Mettici la testa 2006 parte 2

fermer Mettici la testa 2009 parte 1

fermer Mettici la testa 2009 parte 2

fermer Sensibilizzazione

fermer Video della vergogna

fermer Servizi TG

fermer Servizi giornalistici

fermer Sicurezza stradale

fermer Video shock

Giornata del ricordo
POLICY socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 1732

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 18
Opuscoli 6° volume: Massimiliano Rossi

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Massimiliano Rossi 28 anni Ponte nelle Alpi (BL) 28 dicembre 1972 – 24 febbraio 2001

23 febbraio 2001, ore 15, autostrada Bologna Firenze Massi è appena uscito dall’ufficio dove lavora col padre, deve andare a Firenze a prendere il treno per Napoli ... Marisa, la sua splendida ragazza, lo sta aspettando, devono programmare tante cose, hanno deciso che prima dell’estate andranno a vivere insieme Sale in macchina, la sua auto nuova sospirata da tanto tempo ... ma a Napoli ci andrà in treno, non vuole rischiare di rovinarla nel traffico caotico di quella città ... fa poche centinaia di metri, torna indietro a salutare un collaboratore del padre ... “ciao Mimmo, ci vediamo lunedì” ... riparte, tra mezz’ora sarà a Firenze, è in anticipo, non c’è fretta ... ecco l’ingresso dell’autostrada, non c’è ancora tanto traffico Chissà a cosa pensava Massi in quel momento, sicuramente a quei tre giorni che lo aspettavano con Marisa, forse canticchiava la canzone che stava ascoltando alla radio, amava tantissimo la musica e tutto ciò che era vita ... chissà a cosa ha pensato quando si è visto piombare addosso quell’enorme camion, chissà quale è stato il suo ultimo pensiero ... ci hanno messo più di due ore per tirarlo fuori da quel groviglio ma era vivo, tutto rotto ma vivo. Noi siamo stati avvisati solo verso le 18,30, abitiamo a Belluno, 350 km, un amico ci ha accompagnato a Firenze, l’autostrada era ancora chiusa, abbiamo dovuto fare il giro per l’Appennino ... ma Massi ci ha aspettato, ha aspettato Marisa da Napoli, gli zii da Trento, gli amici da Arezzo ... solo quando 24 ore dopo ha visto che c’eravamo tutti ha deciso di andare, però non prima di avere dato la possibilità ad altri di vivere con i suoi organi, come aveva sempre detto di volere, se ... Insieme a Massi, su un’altra vettura, sono morti altri tre ragazzi, tornavano a casa dopo una settimana di lavoro; e anche l’autista del tir è morto. Perdere un figlio è una cosa che ti squarcia dentro, ti spacca in migliaia di pezzi. Se non fosse tornato indietro a salutare l’amico, se fosse partito più tardi, se quel camionista non fosse stato così stanco da perdere il controllo del tir e saltare la corsia piombandogli addosso, se ... quanti “se”, troppi. La rabbia è tanta perché non ci sono risposte, ma la fede aiuta anche se in quei momenti ti chiedi ‘perché proprio a lui?’ ... quel maledetto tir ha spento il sorriso di mio figlio per sempre, ma la sua generosità lo ha riacceso in persone che non avevano più speranza ... è questo che mi fa andare avanti. Grazie Massi, ti voglio bene.



La tua mamma Cristina


Data creazione : 20/02/2006 * 09:57
Ultima modifica : 20/02/2006 * 10:12
Categoria :
Pagina letta 6566 volte


Stampa pagina Stampa pagina

Opinioni su questo articolo


Commento n. 4 

da Sergio il 04/05/2009 * 09:37

Poche parole...si, non ci rassegna...e non è più stessa vita dopo.

Un pensiero caro per il vostro Massi ed un abbraccio forte a voi.

Con affetto.


Commento n. 3 

da cat il 03/05/2009 * 11:25

massimiliano, sei bellissimo, sei andato via... non ci si rassegna  all'idea, anche la mia,cinzia aveva 15 anni, amante della vita come te.......

un pensiero ai tuoi genitori per una perdita cosi' grande, sono sempre i migliori che se ne vanno.... non aiuta lo  so',   ma dio ha avuto bisogno dei nostri dolci

ANGELI....


Commento n. 2 

da antonella78 il 25/12/2008 * 00:58

BUON NATALE!!!

Commento n. 1 

da Lorella il 06/06/2008 * 18:07

Ogni volta che leggo una storia su questo sito non posso fare a mano di piangere.Anch'io ho perso un figlio ventenne e ogni volta penso al dolore dei poveri genitori.Un abbraccio a voi
Social

^ Torna in alto ^