Tra le valigie per le vacanze riempitene una di Buon Senso: è il solo che può salvaguardare,  alla guida di un mezzo, la propria vita e quella altrui!   AIFVS onlus

         
Cerca nel sito
Ricerca personalizzata
Giornata mond. ONU
Menù principale
+ Iniziative nazionali
+ Attualità
+ Iniziative Sedi
 -  Opuscoli Memorie
+  Giustizia
+  Prevenzione
+ Assistenza Psicologica
+ Filmati Media & TV
+ In caso di incidente
+ Le vergogne
+ Convegni nazionali
+ Libri & Poesie
+ Archivio
+ Appelli e ricerca testimoni
+ Collaborazioni
+ Comunicati stampa
+ Contatti & mail
+ Punto d'ascolto
+ Sondaggi AIFVS
+ Testimonianze
+ pages
L'Associazione AIFVS
Video AIFVS
+ Memorial
+ Servizi giornalistici 2015
+ Servizi giornalistici 2014
+ Video Memorie
Agenda
Galleria foto
+ Fiaccolata per Umberto e Daniele
+ Giornata Mond. Del Ricordo
+ Grosseto
+ I Corti di Mauri
+ La AIFVS dal papa
+ Manifestazioni delle croci
+ Memorial Stefano e Fabio
+ Mobility DAI
+ Motor Show
+ Riva-del-Garda
+ Sede Cinisello B
+ Sede Matera
+ Sede Torino
+ Sede di Potenza
+ SicilyAwards
+ Una notte per la vita
+ UnioneNazionaleCavalieri
+ articoli stampa nazionale
+ calcio
+ fossalta
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork
 

Chiudi

Altri Video

fermer Mettici la testa 2006 parte 1

fermer Mettici la testa 2006 parte 2

fermer Mettici la testa 2009 parte 1

fermer Mettici la testa 2009 parte 2

fermer Sensibilizzazione

fermer Video della vergogna

fermer Servizi TG

fermer Servizi giornalistici

fermer Sicurezza stradale

fermer Video shock

Giornata del ricordo
POLICY socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 1732

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 21
Opuscoli Memorie - Opuscoli 4° volume

Opuscoli memorie 4° Volume 2002

Cristina Altobelli.jpg
Cristiana Altobelli

Agata.Alu.jpg
Alù Agata

Antonello Ambrosini.jpg
Antonello Ambrosini

Leoniero Bellini.jpg
Leoniero Bellini

Simone Brighittini.jpg
Simone Brighittini

Giovanna Buonanno.jpg
Giovanna Buonanno

Eros Delle Cave.jpg
Eros Delle Cave

Luca Lerario.jpg
Luca Lerario

Alessandro Merli.jpg
Alessandro Merli

Giovanni Nardone.jpg
Giovanni Nardone

Eleonora Negrin.jpg
Eleonora Negrin

Rita Ortenzi.jpg
Rita Ortenzi

Dino Petrachi.jpg
Dino Petrachi


Francesca Piacentini 

Martina Pluchino.jpg
Martina Pluchino

Elisa Prendin.jpg
Elisa Prendin

Andrea Raduano.jpg
Andrea Raduano

Michela Simeone.jpg
Michela Simeone

Antonio Taranto.jpg
Antonio Taranto

Mario Trovato.jpg
Mario Trovato

Elisa e Gianpaolo Abbondanza.jpg
Elisa e Giampaolo Abbondanza

Ennio Petrosino-Rosa Zaza.jpg
Ennio Petrosino e Rosa Zaza

Alex Trombini.jpg
Alex Trombini

A volte ci chiedono perché noi dell’Associazione siamo così poco accomodanti, perché non cerchiamo di “mediare” con le istituzioni e gli organismi preposti o interessati al traffico sulle strade, dal Governo al Parlamento, alla scuola, ai mezzi di comunicazione di massa e, già che ci siamo, con le industrie dei motori,delle discoteche, dell’asfalto, con le assicurazioni, con il vastomondo dei tecnici – carrozzieri, avvocati, periti ecc. - che lavora e prospera proprio a partire dagli incidenti stradali. La risposta è in questo opuscolo. Ci chiedono come possiamo pretendere che chi può domani uccidere o morire sulla strada ci pensi anche solo un poco, riduca la sua fretta anche solo di poco, quel tanto che basta per continuare a vivere e a far vivere. La risposta è in questo opuscolo. Ci chiedono perché siamo sempre così pieni di rabbia, perché insistiamo in richieste impossibili da soddisfare - una prevenzione vera, dall’educazione stradale al controllo a distanza alla responsabilità patrimoniale personale di chi uccide o ferisce – e una giustizia vera, che tenga conto della vittima oltre che del colpevole, che riduca lo strazio dell’attesa, che ripari invece di deridere. La risposta è in questo opuscolo. E’ il quarto - e come gli altri riporta volti e storie di una strage dalle proporzioni spaventose. Quanti dovremo farne ancora?

* Pina Cassaniti Mastrojeni
* presidente dell’Associazione


 


Data creazione : 23/08/2005 * 15:29
Ultima modifica : 25/10/2013 * 00:27
Categoria : Opuscoli Memorie
Pagina letta 30636 volte


Stampa pagina Stampa pagina

Opinioni su questo articolo


Commento n. 2 

da avvocatocesari il 16/09/2007 * 11:34

Un pensiero per Antonio e Anna Lerario nel decimo anniversario della scomparsa del loro ventiduenne figlio Luca campione di nuoto scomparso in maniera tragica con la sua moto a Roma in  Viale Somalia proprio dieci anni fa nei pressi del mio studio di Viale Libia dove passo quasi ogni giorno guardando quell'angolo di strada, quel mazzetto di fiori e poi a studio quel fascicolo di carte processuali per cui la Vittoria Assicurazioni ha ritenuto che la somma di 70.000,00 euro possa costituire un risarcimento equo per un genitore per la morte di un figlio...

Quella morte ha fatto scaturire un dolore immenso ...che solo chi è veramente amico può comprendere...  ed un grande e straordinario impegno sociale di solidarietà del papà Antonio per le vittime della strada che mi auguro sempre riprenda per amore di Luca e per gli altri   anche all'interno della associazione italiana familiari e vittime della strada ...dove c'è bisogno dell'impegno di tutti

Una preghiera con amicizia  - Gianmarco Cesari


Commento n. 1 

da annamariatommasi il 25/01/2006 * 16:36

hanno varato la legge della leggittima difesa,quindi chi ammazza con la pistola,da oggi non va in galera..questi nostri governanti devono sapere che una macchina, quando travolge una persona, e entra in una corsia di emergenza a 115 km all'ora, è peggio di un proiettile.Quindi stassero attenti  che ora forse qualkuno. la VERA GIUSTIZIA se la farà con le proprie mani.............................

UNA DONNA CHE HA  VISTO MORIRE DAVANTI I PROPRI OKKI 3 INNOCENTI.....

Social

^ Torna in alto ^