“Sii cosciente e responsabile di ciò che fai” ( Ist. Mag. “E. Ainis” ME – Premio V.M.)  AIFVS
         
Cerca nel sito
Ricerca personalizzata
Giornata mond. ONU
Menù principale
+ Iniziative nazionali
+ Attualità
+ Iniziative Sedi
+ Opuscoli Memorie
+  Giustizia
+  Prevenzione
+ Assistenza Psicologica
+ Filmati Media & TV
+ In caso di incidente
+ Le vergogne
+ Convegni nazionali
+ Libri & Poesie
+ Archivio
+ Appelli e ricerca testimoni
+ Collaborazioni
+ Comunicati stampa
+ Contatti & mail
+ Punto d'ascolto
+ Sondaggi AIFVS
+ Testimonianze
+ pages
L'Associazione AIFVS
Video AIFVS
+ Memorial
+ Servizi giornalistici 2015
+ Servizi giornalistici 2014
+ Video Memorie
Agenda
Galleria foto
+ Fiaccolata per Umberto e Daniele
+ Giornata Mond. Del Ricordo
+ Grosseto
+ I Corti di Mauri
+ La AIFVS dal papa
+ Manifestazioni delle croci
+ Memorial Stefano e Fabio
+ Mobility DAI
+ Motor Show
+ Riva-del-Garda
+ Sede Cinisello B
+ Sede Matera
+ Sede Torino
+ Sede di Potenza
+ SicilyAwards
+ Una notte per la vita
+ UnioneNazionaleCavalieri
+ articoli stampa nazionale
+ calcio
+ fossalta
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork
 

Chiudi

Altri Video

fermer Mettici la testa 2006 parte 1

fermer Mettici la testa 2006 parte 2

fermer Mettici la testa 2009 parte 1

fermer Mettici la testa 2009 parte 2

fermer Sensibilizzazione

fermer Video della vergogna

fermer Servizi TG

fermer Servizi giornalistici

fermer Sicurezza stradale

fermer Video shock

Giornata del ricordo
POLICY socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 1733

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 9
Opuscoli 4° volume 2002: Ennio Petrosino e Rosa Zaza

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

 Ennio Petrosino , 33 anni - Napoli - 20  marzo 1966 - 25 agpsto 1999
Rosa Zaza, 31 anni - Napoli - 12 ottobre 1968- 25 agpsto 1999

Ennio Petrosino-Rosa Zaza.jpgLa sera del 25 agosto 1999, sull’autostrada Bari-Napoli, Ennio Petrosino e Rosa Zaza, al rientro dalle vacanze trascorse in Croazia, sono stati travolti ed uccisi da una macchina di contrabbandieri carica di sigarette che ha invertito il senso di marcia a fari spenti attraversando uno dei tanti varchi aperti sulla A16, insidie occulte di tante strade statali e di quasi tutte le autostrade, insidie usate a volte per stupidità, più spesso e come in questo caso per delinquere, sempre con un gravissimo rischio anzi con la certezza di uccidere.
 
     Ennio e Rosa tornavano alle madri, ai fratelli, agli amici, al loro mondo fatto di tante piccole cose di giovani sposi,  ma anche di lavoro e di impegno civile.
 
     Vivevano nell’amore e per l’amore, senza arrivismi ed invidie, senza aspirare a scalare montagne per piantare bandierine di conquista, contenti della loro verde collina di colori e di suoni sulla quale tutti potevano salire per goderne con loro.
 
     Rosa era sempre dolce e tenera, Ennio anche molto attento sia alle vicende politiche nazionali che alle innumerevoli difficoltà del vivere nella nostra città: un cittadino, come dalle tante lettere che ci ha lasciato, che esponeva i problemi di Napoli ai suoi amministratori e ne chiedeva o ne proponeva la soluzione.

     La notte del 15 agosto era una notte calma, tiepida, l’autostrada non era trafficata, una condizione ideale per il rientro; ma Ennio e Rosa hanno incontrato la follia umana, la criminalità organizzata, il tradimento di chi lascia i cittadini esposti al doppio rischio della delinquenza e dell’inefficienza dei sistemi stradali.

     Alla loro vita spezzata per sempre dedichiamo il nostro lavoro contro l’incapacità e l’indifferenza di chi avrebbe dovuto provvedere a salvarla.

 Cosa significa amarsi
se non prendersi per mano
e improvvisamente volare?
Ma noi siamo angeli con un’ala sola,
possiamo volare soltanto abbracciati.

Alessandro Petrosino


Data creazione : 31/12/2007 * 17:34
Ultima modifica : 31/12/2007 * 17:34
Categoria :
Pagina letta 5274 volte


Stampa pagina Stampa pagina

Opinioni su questo articolo


Commento n. 4 

da Sergio il 25/04/2009 * 10:04

Un pensiero per questi due Angeli...

Commento n. 3 

da cat il 10/04/2009 * 01:48

una bellissima coppia, sono sicura che sono felici insieme,nel loro viaggio... perche' avrebbero provato cosa vuol dire stare senza l'altro..... e  noi tutti sappiamo  molto bene..... e  nonstante passino gli anni, noi siamo qui a ricordare..... loro ..... i nostri stupendi   angeli...... grazie di essere stati  con noi

anche  ... se  per  poco..... insieme nel dolore dalla mamma di cinzia


Commento n. 2 

da antonella78 il 25/12/2008 * 00:26

BUON NATALE!!!!

Commento n. 1 

da Biby il 01/02/2008 * 14:55

Amarsi significa proprio quello...Sono parole bellissime e toccanti... ora si ameranno nella pace e sempre INSIEME... un abbraccio alle famiglie
Social

^ Torna in alto ^