Sostieni l'AIFVS onlus donando il 5 x 1000 nella tua dichiarazione dei redditi. Codice fiscale 97184320584 pdf.gif   AIFVS onlus

         
Cerca nel sito
Ricerca personalizzata
Giornata mond. ONU
Menù principale
+ Iniziative nazionali
+ Attualità
+ Iniziative Sedi
+ Opuscoli Memorie
+  Giustizia
+  Prevenzione
+ Assistenza Psicologica
+ Filmati Media & TV
+ In caso di incidente
+ Le vergogne
+ Convegni nazionali
+ Libri & Poesie
+ Archivio
+ Appelli e ricerca testimoni
+ Collaborazioni
+ Comunicati stampa
+ Contatti & mail
+ Punto d'ascolto
+ Sondaggi AIFVS
+ Testimonianze
+ pages
L'Associazione AIFVS
Video AIFVS
+ Memorial
+ Servizi giornalistici 2015
+ Servizi giornalistici 2014
+ Video Memorie
Agenda
Galleria foto
+ Fiaccolata per Umberto e Daniele
+ Giornata Mond. Del Ricordo
+ Grosseto
+ I Corti di Mauri
+ La AIFVS dal papa
+ Manifestazioni delle croci
+ Memorial Stefano e Fabio
+ Mobility DAI
+ Motor Show
+ Riva-del-Garda
+ Sede Cinisello B
+ Sede Matera
+ Sede Torino
+ Sede di Potenza
+ SicilyAwards
+ Una notte per la vita
+ UnioneNazionaleCavalieri
+ articoli stampa nazionale
+ calcio
+ fossalta
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork
 

Chiudi

Altri Video

fermer Mettici la testa 2006 parte 1

fermer Mettici la testa 2006 parte 2

fermer Mettici la testa 2009 parte 1

fermer Mettici la testa 2009 parte 2

fermer Sensibilizzazione

fermer Video della vergogna

fermer Servizi TG

fermer Servizi giornalistici

fermer Sicurezza stradale

fermer Video shock

Giornata del ricordo
POLICY socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 1733

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 5
Testimonianza n°13

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Fermiamo la guerra  che corre a tutto gas

macchina_da_scrivere.jpgOrmai la strage fa notizia quando a sfracellarsi son più di tre per volta, quasi come se ogni vita singola non fosse di per sé un unico olocausto. Se ne parla sui giornali, quasi sempre di domenica e quando a morire maciullati sono ragazzi, come se spirare di giovedì ed a una certa età fosse meno grave e sgradito allo sfortunato attore. L'incidente stradale è una mina vagante sempre innescata, chiama a sé ben più di 5000 vite l'anno e troppe migliaia di feriti come me. Ora vi racconto com'è; un attimo prima si è bellissimi corpi funzionanti, cervelli pensanti, sentimenti, progetti, aspirazioni, sogni. Poi una frenata e uno schianto. L'istante dopo; arti frantumati, ossa spezzate e fuoriuscite, sangue e materia tra lamiere contorte, e sbigottiti, flebili, inutili, ultimi lamenti. Di lontano si avverte il suono affilato d'una sirena, quindi ahimè, spesse volte più niente. Indietro non si può tornare.
Così vanno le cose in un incidente stradale, io lo so, reduce paralizzato che da vent'anni ne porta addosso e attorno le pesanti conseguenze. Avrei voluto essere l'ultimo, invece no.
La strage fa notizia, ma non informazione e neppure educazione. Se ne parla poco e male, cercando il colpevole tra dismisure alcoliche e chimiche dei ragazzi del nostro tempo o nelle macchine troppo veloci, tra orari dell'alba tragica e la pubblicità incalzante, modello di progresso e di velocità, ma sappiamo tacitamente che non è così, non del tutto.
 Trasgredire è quasi endemico ad una certa età, soprattutto quando non v'è un buon esempio in cui specchiarsi o un mito buono in cui credere. Comprarsi missili a motore con i quali spararsi nelle strade a 200 all'ora non è né legge né imposizione, ma nostra scelta e cultura diffusa.
Quando la strage esagera un po', scattano misere ordinanze, mezzi decreti, promesse di risposte forti da parte dello stato, ma poco cambia, sempre si muore nella giostra della battaglia stradale. Non si può diventare impopolari di fronte agli elettori, in cuor suo l'automobilista prega che non gli seghino il giocattolo, che non mettano i limiti a 100. È palese, si vendono veicoli sempre più grossi, veloci, tante volte inutili, ma potenti. Siamo in troppi i veri colpevoli. Abbiamo il drago dentro, il mostro da combattere, un nemico da sconfiggere, il trofeo da esibire, noi immortali cavalieri senza più avventure, insoddisfatti, timorosi eroi, confusi paladini della società civile. È ipocrisia condannare, sentenziare e poi, in fondo arrendersi, partecipare. Adesso basta! Occorre proporsi, concepire un nuovo mito che salverà almeno uno di noi, uno dei nostri figli.
Il nuovo mito è la vecchia etica perduta, l'amore e la reverenza per il miracolo della vita, unico e irripetibile, non più venerato con devozione, non è narrato dai nonni ai nipotini nelle sere d'inverno. Ormai i nipotini son sempre meno, i nonni vivono soli o in case di cura e l'inverno, pare sia morto anche lui. Troppo è cambiato, incredibilmente in fretta.
Abbiamo un nuovo dio, è in formato TV, ma sta segnando il passo. Chiediamogli un aiuto che vada oltre altri interessi; di proporre un servizio articolato per raggiungere l'obiettivo primario: un'educazione visiva alla prevenzione del devastante spargimento di sangue, narrando, mostrando cos'è il dolore, la morte, un arto tranciato o la frattura d'una spina dorsale, facendo di cognizione giusta paura. I giovani non sono nati stupidi, sono soli in mezzo a poco amore e troppi strani miti da noi adulti, preconfezionati.
Alla domenica c'è il gran premio di F.1 o la moto GP. I nuovi eroi da emulare non sono loro, esperti piloti, professionisti d'un mestiere difficile, di certo divertente. Altri eroi sconosciuti segano carrozzerie per estrarre carni, altri raccattano i corpi e corrono a sirene spiegate, altri ancora rimettono insieme i pezzi negli ospedali e nelle sale chirurgiche, tentando di ripristinare al meglio ciò che madre natura creò e non sarà mai più. Cerchiamo di ridimensionare il loro eroismo. Non se l'avranno a male di certo.
Iniziamo tutti una nuova era che si ribelli all'incolmabile patimento di chi ama e resta vivo, a perdere silenziose lacrime davanti ad un'inanimata fotografia. Invochiamo un'etica sulla presa di coscienza del vero valore della vita. Io, che non l'ho più, lo rimpiango da tempo.
L'incidente non è quasi mai un evento naturale, ma è procurato da azioni umane errate, dal risvolto letale, devastante. Se la causa è umana, è migliorabile. Mettiamolo in atto. 
Chiediamo con forza maggiore prevenzione, seria e dura, facciamolo tutti, oppure continuiamo a subire passivi le scarse note d'un telegiornale che mostra immagini raccapriccianti, ma non sufficienti per farci redimere; timorosi impavidi, assi del volante, assi di picche che sfidano il nemico sperando nell'invisibile volto della fortuna. A chi toccherà domani immolarsi inutilmente nella guerra d'Italia, che reclama i suoi figli stesi su strade asfaltate?

 
Carlo Mariano Sartoris

www.handyscap.it 

 


Data creazione : 04/04/2007 * 20:20
Ultima modifica : 05/04/2007 * 00:07
Categoria :
Pagina letta 4128 volte


Stampa pagina Stampa pagina

Opinioni su questo articolo


Commento n. 2 

da ilia il 31/01/2008 * 06:35

Ciao Carlo,

ho letto più volte la tua testimonianza,sono andata a visitare il tuo sito: complimenti!

Ti ammiro per come ti esprimi e, ti ammiro per cosa esprimi.

Due lavori bellissimi, come solo quelli creativi possono essere. Cercherò un tuo libro.

Ci accomuna la volontà e l'impegno a fare qualcosa  per la prevenzione e, l'indignazione per  come  non viene fatto niente da questa giostra di società.

Un abbraccio, con affetto  Ilia 


Commento n. 1 

da rosalba il 09/05/2007 * 23:19

Ciao Mariano

alla tua descrizione precisa non c'è molto da aggiungere se non che concordo perfettamente con quanto suggerisci per fermare la strage stradale attraverso la prevenzioni , leggi severe e certezza che la pena si sconti; sono responsabile provinciale dell'Associazione italiana familiari vittime della strada , sede di Potenza , ho un solo obiettivo SALVARE QUALCHE VITA

UN ABBRACCIO ROSALBA

Social

^ Torna in alto ^