Rinnova subito la tua adesione per rendere più forte la nostra Associazione.  A.I.F.V.S. onlus
         
Cerca nel sito
Ricerca personalizzata
Giornata mond. ONU
Menù principale
+ Iniziative nazionali
+ Attualità
+ Iniziative Sedi
+ Opuscoli Memorie
+  Giustizia
+  Prevenzione
+ Assistenza Psicologica
+ Filmati Media & TV
+ In caso di incidente
+ Le vergogne
+ Convegni nazionali
+ Libri & Poesie
+ Archivio
+ Appelli e ricerca testimoni
+ Collaborazioni
+ Comunicati stampa
+ Contatti & mail
+ Punto d'ascolto
+ Sondaggi AIFVS
 -  Testimonianze
+ pages
L'Associazione AIFVS
Video AIFVS
+ Memorial
+ Servizi giornalistici 2015
+ Servizi giornalistici 2014
+ Video Memorie
Agenda
Galleria foto
+ Fiaccolata per Umberto e Daniele
+ Giornata Mond. Del Ricordo
+ Grosseto
+ I Corti di Mauri
+ La AIFVS dal papa
+ Manifestazioni delle croci
+ Memorial Stefano e Fabio
+ Mobility DAI
+ Motor Show
+ Riva-del-Garda
+ Sede Cinisello B
+ Sede Matera
+ Sede Torino
+ Sede di Potenza
+ SicilyAwards
+ Una notte per la vita
+ UnioneNazionaleCavalieri
+ articoli stampa nazionale
+ calcio
+ fossalta
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork
 

Chiudi

Altri Video

fermer Mettici la testa 2006 parte 1

fermer Mettici la testa 2006 parte 2

fermer Mettici la testa 2009 parte 1

fermer Mettici la testa 2009 parte 2

fermer Sensibilizzazione

fermer Video della vergogna

fermer Servizi TG

fermer Servizi giornalistici

fermer Sicurezza stradale

fermer Video shock

Giornata del ricordo
POLICY socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 1733

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 8
Testimonianze - Le vostre testimonianze
Testimonianze AIFVS

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Le vostre testimonianze

Testimonianza n°1

Il 1° settembre 2005, mio figlio, di 17 anni, al ritorno dal lavoro, apprendista meccanico, è stato vittima di un grave incidente stradale. 

 Continua

Testimonianza n°2

Sono la mamma di un ragazzo di 28 anni Gianni, morto il 25 luglio 2005 in un incidente stradale. Ho letto l’articolo della vostra associazione  

Continua

Testimonianza n°3

Cara Mamma,Te ne sei andata il 29 Novembre 2005 a 70 anni su quella  strada che tu facevi tutti I giorni per recarti al vicino supermercato.......

Continua

Testimonianza n°4

Grazie all’Associazione “Familiari Vittime della Strada”  adesso riesco ad avere ancora una speranza di potermi risollevare......

 Continua

Testimonianza n°5

Roberto Casalboni, 39 anni, è morto in Norvegia in seguito ad un incidente stradale il 17 agosto 2003. In sella alla sua moto, al crocevia di Kristiansand.

Continua

Testimonianza n°6

Mi hanno tolto la voce. Ciao sono Alessandro. Avrò per sempre 29 anni; per mia sfortuna, ho incontrato un ventenne alla guida di una betoniera.  

Continua

Testimonianza n°7

Era il 22/02/03 ,ero in auto con dei miei amici,stavamo trornando a casa , dopo una serata come tante ,passate in discoteca,erano le 2.30 circa. 

Contiene filmato

 

Continua

Testimonianza n°8

Vi invio qui di seguito la lettera che ho scritto ad un giornale locale e pubblicata nel mese di novembre che ha voluto essere uno sfogo ad una nuova ed ennesima ingiustizia nei tribunali , nei confronti questa volta di mia sorella Alice BigoniNon ho parole per commentare tutto ciò 
 

Clicca qui

Testimonianza n°9

Siamo in piena atmosfera natalizia, ed io con questa lettera non vorrei angosciare nessuno, ma solamente sensibilizzare le Istituzioni ed a chi di dovere.  

 
 

 Continua

Testimonianza n°10

Domenica 07/01/2007 io  M. R., mio fratello M. F. ed un altro nostro amico, G. S., tutti da F…..  e con le rispettive motociclette, siamo usciti a fare un giro in moto. Io portavo con me la mia ragazza.  

 

 Continua

Testimonianza n°11

Quando sui giornali finiscono certi ragazzi e si fa la conta dei morti e dei feriti mi sembra di aver fallito.ognuno fa prevenzione nella sua provincia.

 

 Continua

Testimonianza n°12

Mi chiamo Antonio e sono un Capo Squadra dei Vigili del Fuoco. Con il lavoro che svolgo, anche questa notte - per l’ennesima volta - sono intervenuto  su un incidente stradale mortale in autostrada   

 

 Continua

Testimonianza n°13

Ormai la strage fa notizia quando a sfracellarsi son più di tre per volta, quasi come se ogni vita singola non fosse di per sé un unico olocausto. Se ne parla sui giornali, quasi sempre di domenica e quando a morire maciullati sono ragazzi

 

 Continua

Testimonianza n°14

La storia di Miguel e Rafael è una lunga e tragica storia, loro si sono aggiunti alla lunga lista dei 45.000 deceduti in  Europea come vittime stradali il gg. 11/09/2006 in Malaga una provincia al sud della Spagna, ove nasce la Costa del Sol.
 

 Continua

 

Testimonianza n°15

Mi chiamo Rosario, ho 14 anni. Ho scaricato i vostri videoclip sul sito di Metticilatesta. Cosa fondamentale, soggetto della mia e-mail, è dirvi quanto è stato utile fare questo sito sia per me che per i miei familiari.

 Continua

Testimonianza n°16

Mi chiamo E. S. ho 39 anni e, il 18/05/07, tra le ore 10.00 e le 12.00 stavo percorrendo la statale 16 per recarmi da Rimini a Ferrara. Ebbene ho assistito ad uno spettacolo molto inquietante che descrivo qui di seguito: 

 Continua

 

Testimonianza n°17

Andrea mi manchi, ci manchi tantissimo!
Dieci anni senza di te sono infiniti e pochi lo capiscono, dolore e lacrime infinite per questa mancanza…continuo a scriverti e a volte mi dico se ha senso e poi continuo…..

 Continua

Testimonianza n°18

Chi scrive è una madre alla quale hanno portato via la sua unica ragione di vita: il suo unico figlio Stefano.
Io non ho più nessuno di cui preoccuparmi, nessuno da proteggere, nessuno per cui lottare, insisterò  affinché .....

 Continua

Testimonianza n°19

Era tanto tempo che volevo farlo, raccontare anche la mia storia, anzi la storia di mia madre, investita 7 anni fa sotto casa.
Era la mattina del 26 luglio 2001, la mia mamma era una persona molto attiva, alle sette del mattino era uscita di casa ........

 Continua

Testimonianza n°20

Debora aveva diciassette anni.
Era in quell’età che da adulti viene ricordata sempre con un po’ di nostalgia.
Debora era una ragazza bella, intelligente, solare, piena di sogni. Sogni che si sono infranti dopo quello che doveva  .........

 Continua

 


Data creazione : 11/03/2007 * 12:22
Ultima modifica : 12/10/2008 * 19:19
Categoria : Testimonianze
Pagina letta 41494 volte

Opinioni su questo articolo

Commento n. 22 

da Angeli_Sconosciuti il 14/02/2016 * 18:24

Ripropongo il mio invito a voi tutti ricordandovi con affetto.In questi giorni sto preparando un libro, intitolato " Donne Oltre" con l'intento di descrivere le mille storie che purtroppo accomunano molti genitori. La perdita di un figlio o figlia, piuttosto di un genitore o marito/moglie e la disperazione di doverne sopravvivere, non lasciatevi quindi fuorviare dal titolo del libro. Mi piacerebbe raccoglierele vostre testimonianze dirette, alcune mi sono già pervenute ed alcuni capitoli sono già pronti. Forse riusciremo a porre l'attenzione su questo maledetto problema dell'omicidio stradale.Importante! Assieme alle vostre storie, che comunque verranno adeguate alle esigenze narrative di un libro senza comunque stravolgerne il realismo, dovrete inserire nella mail o documento word, una liberatoria per la pubblicazione.Attendo vostre risposte e ringrazio di cuore voi tutti. francesco.care@vodafone .it     

Commento n. 21 

da Angeli_Sconosciuti il 25/01/2016 * 09:20

, in bocca ha ancora il tubo endotracheale e la cannula di majo (ciucciotto) evita nel trisma mandibolare danni alla lingua o di lacerare il tubo endotracheale nel paziente intubato. Le braccia distese lungo i fianchi sono piene di flebo e un grosso cerotto quadrato sul collo copre una ago cannula che, credo, deve essere servita per drenare il grosso ematoma che si era formato. Per terra pezzi di cerotto, garze sporche di sangue o Betadine (disinfettante) . I cassetti dei mobiletti d’acciaio sono aperti, al loro interno materiale chirurgico sterile in confezioni sigillate. Presto tutto verrà pulito e risistemato con ordine e logica ospedaliera. Mi avvicino a lui, la lampada scialitica accesa lo illumina rendendo ancora più chiara l’epidermide già bianca di suo e faccio quello che non si dovrebbe mai fare, lo fisso e lascio che le mie sensazioni mi pervadano. “Eccoti qui, questa mattina ti sei alzato, avrai fatto colazione, poi magari via al lavoro, una giornata come tante altre. Magari tua madre ti ha salutato con le sue raccomandazioni (mi raccomando vai piano e stai attento) poi la pausa di mezzogiorno, una telefonata alla ragazza o agli amici o a nessuno, tutto nella normalità, la normalità di un giorno qualunque prima del Natale. Sei tornato a casa e via sotto la doccia oppure nella vasca da bagno, uno sguardo all’orologio, il tempo vola devi andare con la moto a prendere la tua ragazza, la tua mica o chissà chi. Poi via un giro in centro città, gli amici, l’aperitivo quattro chiacchiere … poi … STOP!  Tutto Finito! Tutto si è concluso! Basta Amici, basta lavoro, basta Natale, basta Famiglia, basta Fidanzata o Amica o chissà, basta di tutto. Nessuno sentirà più la tua voce, nessuno più dovrà attendere le tue telefonate, tua madre non dovrà più preoccuparsi, perché oltre a questo cosa c’è? Nulla ormai ti può fare del male. Chissà cosa avresti voluto dire o fare se solo avessi saputo che oggi la tua vita si fermava così. A chi avresti detto “ti voglio bene”, a chi avresti detto “non importa non ti preoccupare”, con chi avresti voluto fare pace? Tutto si ferma così d’improvviso e lascia gli altri con la bocca aperta, la solita frase – ma come? ma se l’ho visto ieri al bar –  BASTA!   Il tutto Finisce Il nulla rimane. (The Show must go on!) Esco dalla stanza, ho recuperato il materassino dopo averlo ripulito con acqua e disinfettante, una volta ripiegato occupa poco spazio. Lo poggio sulla barella e mi avvio. Vado verso Cristina che è a metà corridoio, non dico nulla e d'altronde che dovrei dire? Tutto finisce li anche per noi, quel servizio, quella corsa, quell’attesa. Appena usciti dal Pronto Soccorso Neuro Chirurgico sulla sinistra ci sono delle seggiole rosse lungo un corridoio, quella che dovrebbe essere una sala d’attesa. Dalle finestre poste su entrambe i lati di quel passaggio obbligato si vedono le luci dei lampioni, fuori è già buio e fa freddo. Un drappello di persone circa 5 o 6 attendono li fuori tutti in piedi tranne una donna che è seduta in disparte. Appena ci vedono si avvicinano e lei si alza lentamente, è la mamma del ragazzo. Si avvicina a me, non so per quale motivo, si mette di fronte e mi osserva. Poi in silenzio senza mai avere detto una parola, mi prende la mano destra nelle sue, la solleva e l’avvicina alle sue labbra, socchiude gli occhi fa un lungo sospiro e poi la bacia. Mi sento in imbarazzo, non capisco non mi è mai successo, non so cosa fare, non so cosa dire. Lei allunga la sua mano destra al mio viso mi accarezza e con una dolcezza infinita mi dice “Grazie”. Io non capisco, ho un nodo in gola, la guardo non parlo, ed è in quel momento che lei solleva la mia mano verso il mio volto e con delicatezza mi sussurra “Senti? Questo è il profumo che mio Figlio si era messo questa mattina. Tu eri con Lui Grazie.” Durante l’omelia ai funerali del ragazzo ai quali ho voluto presenziare, il sacerdote, ha detto.  “Sappiamo quanto difficile sia per noi trovare la consolazione quando siamo chiamati ad una prova così difficile. E allora io dico a questi Genitori, Gesù ha chiamato a se questo figlio, ed in quel luogo, che per noi rappresenta il dramma, il lutto, ebbene (Egli) ha spalancato una porta e ha detto “ vieni a me, oggi rinascerai nel regno dei cieli.

Commento n. 20 

da Angeli_Sconosciuti il 25/01/2016 * 09:16

“Laudato si' mi' Signore per sora nostra morte corporale, da la quale nullu homo vivente pò skappare: guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali; beati quelli ke trovarà ne le tue santissime voluntati, ka la morte secunda no 'l farrà male.”  San Francesco d’Assisi non temeva, anzi rispettava la morte, a tal punto da chiamarla (sora nostra morte) - nostra sorella morte - dedicandone un passo nel cantico delle creature. Ma noi siamo poveri mortali e non Santi e tranne rare eccezioni il trapasso ci spaventa, proprio per quella sua  oscura contrapposizione alla vita stessa, umanamente innaturale e  inconcepibile. Ma quante sono le cose che non comprendiamo? Porsi troppi perché non serve, arrendiamoci dunque alla nostra umana mortalità speranzosi di una vita oltre … Laudato si' mi' Signore per sora nostra morte corporale, da la quale nullu homo vivente pò skappare! E’ pomeriggio d’inverno. Manca veramente poco al Natale. La mattina è trascorsa abbastanza calma. Verso le 16.30 o 16.45 giù di li, riceviamo la chiamata dalla Centrale, per un incidente stradale dove è rimasta coinvolta una moto con due ragazzi a bordo. Partiamo veloci in ambulanza, codice Rosso, il luogo non è proprio dietro l’angolo, con me in equipaggio l’Infermiera Cristina silenziosa e rilassata indossa già i guanti in lattice. Taglio il tragitto che quello interessa poco. Giunti sul luogo, come sempre in questi casi, vediamo gente che fa grandi gesti con le braccia. Fermato il mezzo ci portiamo sui feriti stesi e seduti a terra. L’infermiera si ferma sulla ragazza seduta e cosciente mentre io mi sposto sul ragazzo disteso supino. Appena mi avvicino, noto subito un grosso gonfiore svilupparsi sul collo tra la mandibola e la clavicola, di un colore scuro, respira male sembra in gasping, chiamato anche “respiro agonico” . Chiamo l’infermiera e gli mostro la situazione, mentre lei assiste il ragazzo io comunico via radio la condizione dei pazienti e richiedo un mezzo medicalizzato. La centrale quasi immediatamente mi informa che la medicalizzata,- all’epoca era un’ ambulanza -, è occupata su un altro intervento e che avevano deviato noi su questo perché eravamo infermierizzati. Questo voleva dire, dovete fare da soli. Appena al fianco dell’infermiera che nel frattempo aveva incannulato una vena del ragazzo, gli comunico sottovoce che dobbiamo fare noi. Uno sguardo veloce un lieve accenno col capo e cominciamo le procedure di caricamento. Vorrei fare presente che di fronte ad un Politrauma, i tempi di immobilizzazione “atraumatica” del paziente non sono rapidissimi, tutto va fatto con metodica e ordine, non si possono commettere errori. Il tempo passa e intanto carichiamo il ragazzo in ambulanza sulla barella avvolto dal materassino a depressione - la tavola spinale in quegl’anni non si usava ancora - mentre la ragazza sale con le sue gambe camminando e rifiutando ogni cura - salvate lui, salvate lui – ripete come un’ossessa. La corsa verso l’ospedale comporta attenzione, il traffico, le buche,  i semafori, tutto deve essere fatto con attenzione evitando scossoni pericolosi per il paziente. Arriviamo al  P.S. Neurochirurgico direttamente in sala traumi attraverso un ascensore esterno al reparto, riservato per le emergenze. L’equipe ci sta aspettando già precedentemente allertata dalla centrale operativa. La situazione è grave tutto sta precipitando, i parametri vitali ormai sono quasi esigui. Il paziente viene preso in carico da loro che con metodica ed una - rapidissima lentezza - iniziano ad intubare, aspirare le vie aeree e tutto quello insomma che devono fare. Quando parlo di - rapidissima lentezza -, intendo fare riferimento a quel genere di paradosso che difficilmente puoi spiegare se non lo vedi. Tutto viene fatto in modo veloce ma calmo, quindi a chi li osserva dall’esterno, sembra che vada tutto piano a rilento, per poi accorgersi che in pochissimo tempo hanno già fatto moltissimo. Passano i minuti, noi dobbiamo attendere perché il ragazzo è ancora posizionato sul nostro materassino a depressione. In corridoio io e Cristina chiacchieriamo sottovoce, lei è convinta che non ce la farà a sopravvivere, io non mi esprimo, la sola idea di quel momento per chi sta fuori ad attendere mi toglie l’aria. Il tempo passa e 52 minuti dopo, dalla sala emergenze 1 esce l’anestesista e rivolgendosi a noi ci dice che a breve avremo il materassino, non dice nulla del ragazzo. Cristina si fa avanti sbirciando dentro la sala emergenze, pochi secondi poi torna da me – è finita – queste le sue parole. Ore 19.50 viene dichiarato il decesso. - Aspetta un attimo - vado verso la sala emergenze, il corpo nudo del ragazzo e sul lettino ospedaliero, il nostro materassino è per terra sporco di sangue urina e feci, poco più in la i suoi vestiti tagliati. Il volto è gonfio, gli occhi sembrano quelli di un pugile dopo un incontro di boxe, in bocca ha ancora

Commento n. 19 

da MATTEBIX93 il 05/08/2014 * 09:43

BUONGIORNO, SONO CLAUDIA, UNA MAMMA CHE DUE ANNI FA HA PERSO MATTEO DI 18 ANNI, UN RAGAZZO BELLISSIMO PIENO DI VITA, IN UN INCIDENTE STRADALE CON LA MOTO, GLI HANNO TAGLIATO LA STRADA E NON C'E' STATO NIENTE DA FARE. LA MIA VITA SI E' FERMATA QUEL GIORNO, PERCHE' PERDERE UN FIGLIO IN QUELLA MANIERA E' QUALCOSA DI TERRIBILE. SIAMO ARRIVATI QUASI ALL'ULTIMA UDIENZA, MA IL SIGNORE CHE LO HA INVESTITO, DOPO SEI MESI AVEVA DI NUOVO LA PATENTE E SICCOME NON AVEVA PRECEDENTI, NON AVEVA BEVUTO, NON ERA DROGATO, NON FARA' NENACHE UN GIORNO DI CARCERE. IO MI CHIEDO IN CHE RAZZA DI PAESE SIAMO DOVE CHI UCCIDE DELLE PERSONE, E ROVINA LA VITA A ALTRE, E' FUORI E PUO' CONDURRE LA SUA VITA NORMALE, MENTRE NOI NON VIVIAMO SOPPARVIVIAMO CON UN DOLORE IMMENSO E TANTA RABBIA.CHIEDO ALLO STATO ITALIANO DI FARE UNA LEGGE PER L'OMICIDIO STRADALE, E DI METTERSI NEI PANNI DI QUELLE FAMIGLIE, COME LA MIA CHE HANNO PERSO SENZA MOTIVO, LA COSA PIU' PREZIOSA CHE AVEVANO, UN FIGLIO. SO CHE NIENTE E NESSUNO MI RIPORTERA' MAI IL MIO M ATTI MA CHIEDO SOLO CHE GLI POSSA ESSERE FATTA GIUSTIZIA. GRAZIE.

Commento n. 18 

da Emanuela il 02/01/2014 * 09:09

Il 27 luglio 1991 mio padre usci di casa alle 9,00 per andare a lavoro con la sua moto,  a 5 minuti casa 2 ragazzi che rientravano dalla discoteca le tagliarono la strada, non tornò più dalla sua famiglia, aveva 42 anni.6 ottobre 2007, mia madre stava camminando sul marciapiede per dare al prendere il pullman, una donna forte velocità perde il controllo della sua macchina e la travolge salendo sul marciapiede, anche lei non  è tornata più dalla sua famiglia.Aveva 52 anni.Vivo con un immenso vuoto dentro che niente potrà mai colmare, è con la paura che possa ancora succedere alle persone che amo.

Commento n. 17 

da silbiah il 01/01/2013 * 18:03

ciao a tutti sono passati quasi due anni da quell'incredibile giorno maledetto che ha spento per sempre mio padre. il signore che lo ha investito con la sua moto è stato condannato 1 anno e sei mesi con la condizionale,  ma questo non allevia il mio dolore mio e dei miei familiari. ci ha portato via un pezzo della nostra vita serena rendendola per sempre un dolore immane. viviamo per sopravvivere spero solo che mio padre riposi in pace e sia sereno. un caro abbraccio a raffaele stefano e tanti altri giovani che non sono più tra noi anche loro vittime della strada

Commento n. 16 

da silbiah il 06/03/2011 * 00:38

le vostre testimonianze mi fanno sentire sollevata e pensare che non sono sola a soffrire per la morte del mio caro papà. forse cè speranza che anche io saprò cosa è successo. sto molto male anche perchè è poco tempo. sicuramente andando avanti mi abituerò all'idea che mio padre uscendo per una passeggiata non è più rientrato colpa di una moto che non si è fermata distruggendo me e i miei familiari
in un grande dolore più forte della mia vita
dio aiutaci a superare tutto questo e che la verità venga a galla
preghiera per tutti loro

Commento n. 15 

da Sergio il 25/01/2011 * 20:00

Vorrei ringraziare tutti, tutti coloro che, con i pensieri o con i silenzi, sono a testimoniare il loro affetto. Siamo in qualche modo uniti seppure in questo tragico modo, accomunati dal dolore, a volte più forte, tangibile, delle altre meno, quasi più leggero.In ogni istante leggiamo e rileggiamo di ognuno dei nostri Cari, scorrendo immagini, storie, pensieri, drammi. E' forse modo per non impazzire tenendosi tutto dentro, almeno qui, non fingendo di normalità.A tutti voi va il mio semplice ma importante grazie, a nome mio e dei miei Fratelli. Non servono molte parole tra noi, gli stati d'animo si leggono, si percepiscono.Grazie e...forza, sempre forza, tanta, per ognuno di noi.
Sergio&Co.

Commento n. 14 

da DANY il 23/05/2010 * 20:35

Quasi tre anni fa , ho perso mio fratello aveva solo 20 anni si chiamava Antonio. Il 7/07/2007 si innaugurava una nuova discoteca e mio fratello ovviamente non ha perso occasione a parteciparvi, quella sera era abbastanza euforico e allegro come sempre. A fine serata come tutti i sabati sera  con i suoi amici  scendevano in spiaggia a farsi il bagno , purtroppo pero quella sera le cose sono andate diversamente. Mentre attraversava la strada una SMART in volata travolge lui e anche il suo amico Nicola ,anche lui morto dopo due giorni di coma. Il ragazzo che stava alla guida all'epoca aveva  19 anni, guidava ad una velocita superiore a quella prevista ,aveva fatto uso di sostanze stupefacenti e aveva superato il tasso alcolemico, per lui ci sono stati solo 2 giorni di domiciliari...Quella sera insieme ad Antonio e Nicola si sono spezzate le vite di due famiglie che hanno vissuto un incubo, e che ad oggi ancora non si riescono a dare pace per quello che e' successo. Qualsiasi sia il motivo la morte è sempre un evento tragico, ma quando si muore a 20 anni per un incoscente ti rimane dentro tanta rabbia che ti consuma giorno dopo giorno....Il mio cuore ormai e' spezzato mi manca da morire..

Commento n. 13 

da stefy il 21/03/2010 * 15:05

molti anni fa in una sola sera ho perso due amici in un terribile incidente stradale,loro erano in motorino,si chiamavano Morena e Michele entrambi di 15 anni.Il ricordo di quella terribile notte resta indelebile dentro di me ancora adesso che sono trascorsi tanti anni e sono diventata madre...Ogni volta che mio figlio esce di casa vengo invasa da un'ansia intollerabile e prego i miei due angeli di proteggerlo...Scusate lo sfogo ma desideravo ricordare i due angeli che non sono cresciuti ,non sono diventati genitori..ma sono rimasti adolescenti per l'eternità

Commento n. 12 

da Tiziana il 20/07/2009 * 15:27

Voglio condividere con voi lo sdegno  e lo schifo che provo di fronte ad una sentenza vergognosa che il tribunale di Roma ha emesso, dopo sette anni, a chisuura di un processo intentato, per la morte di mio fratello 31enne. L'Anas, colpevole di anon avere adeguatamente protetto il cavalcavia dal quale Francesco è preceipato, è stato estromesso dal giudizio per un cavillo giuridico che evidentemente vale quanto la vita di un ragazzo di 31 anni: ma la cosa più grave e vergognosa è che NOI, vittime come lui, siamo stati condannati a pagare l'Anas e il Giudice si è anche permesso di fare illazioni circa un " possibile" ed " ipotetico" concorso di colpa del conducente. Tutto ciò davanti ad una CTu che ha ricostruito la dinamica dell'incidente in maniera chiara attribuendo la repsonsabilità ad un terzo veicolo rimasto ignoto in quanto datosi alla fuga.

Bhe, ho studiato legge perchè volevo fare il magistrato. ora qul mondo mi fa schifo e spero che , se un giorno chi scrive sentenze  aberranti, proverà un dolore devastante come il mio o quello dei miei genitori, non trovi sulla propria strada gente come lui.


Commento n. 11 

da tiziana il 26/01/2009 * 09:23

Mio fratello Francesco aveva 31 anni quando, in una freddissima sera di Gennaio del 2002, è stato tamponato da un mezzo pesante che poi si è dato alla fuga. Mio fratello Francesco è precipitato da un cavalcavia alto 15 mt ed è morto da solo, laggiù, al freddo senza dare la possibilità a nessuno di noi di sapere cosa è successo veramente, se ha avuto paura, se è morto subito , se ha chiamato qualcuno. Sono passati 7 anni ed ogni giorno è ancora come quella sera di Gennaio: la nostra famiglia è stata distrutta e devastata da un dolore inimagginabile, una ragazza di 28 anni è rimasta vedova, una sorella di 25 anni ha perso il suo compagno di una vita, due genitori sono stati privati del loro unico figlio maschio noto a tutti per la sua eccezionale vitalità e per la sua viva intelligenza e voglia di fare.

Ancora oggi che sono mamma  e penso di dare a mio figlio un fratellino sento nel profondo del mio cuore un gelo terribile per la mancanza di questo mio fratello di cui ho ricordi meravilgiosi e mi chiedo tutti i giorni come possa qualcuno vivere ancora con la coscienza di avergli fatto questo, di aver distrutto una famiglia e d iaver privato un ragazzo come lui della possibilità di avere il futuro che meritava.

Non riesco a perdonare.


Commento n. 10 

da CIANA il 07/11/2008 * 14:38

la mia unica speranza è L'AVVOCATO CESARI che si è messo a mia completa disposizione,è venuto nel mio paese e in un solo giorno,ho finalmente capito tutto quello che è successo ,la dinamica dell'incidente ,le dichiarazione di quell'ubriacone ,ma sopratutto ,finalmente posso fidarmi di qualcuno posso fidarmi DI UNA GRANDE ASSOCCIAZIONE  ,E DI  UN  GRANDE  AVVOCATO  COME   GIANMARCO  CESARI ,non so cosa succedera  lunedi ,ma  sicuramente non sarò da sola ,,,,,,IO HO VOLUTO DARVI QUESTA TESTIMONIANZA  ,PER  UN SEMPLICE  MOTIVO  ,anche se siete vittime di un piccolissimo incidente  con una semplice bicicletta  non andate da un buon legale  ,,,,,,,ma rivolgetevi  a chi  è piu  di un buon legale  ,un legale che conosce le leggi  ,orsini luciana

Commento n. 9 

da CIANA il 07/11/2008 * 14:24

il nostro grande AMICO  se ne fregato altamente di quelllo che noi come famiglia gli avevamo chiesto  ,non volevamo i maledetti soldi ,ma giustizia ,vedere l'uomo che ha ucciso daniele ,soffrire e pagare per tutto il male che ci a fatto ????ma il nostro grande AMICO una sera ci ha chiamati ,tutti e 4 per parlare con noi ,ci ha dato una spiegazione che per noi ignoranti poteva essere giusta,dovevamo accettare l'offerta che arrivava dall'assicurazione ,altrimenti non avremo mai potuto fare niente contro la bestia che ha ucciso daniele ,abbiamo firmato un foglio che a parere suo era una delega per chiudere con l'assicurazione,ma noi in realta abbiamo firmato la rinuncia a procedere contro l'uomo che mi ha portato via l'unica ragione di vita per me e mio marito ,e gli altri due figli ,IO volevo giustizia e il mio ex legale lo sapeva ci ha rigirato per prendere i suoi soldi ,ATTENZIONE  .........NON FIDATEVI ,di persone che vi dicono che faranno tutto il possibile per aiutarvi,non è cosi pensano solo al loro torna conto ....................

Commento n. 8 

da CIANA il 07/11/2008 * 14:08

MA PURTROPPO,il mio lungo calvario non era finito il 13 agosto 2007 daniele viene chiamato da un ubriacone del mio paese ,per farsi aiutare per una costruzione di un palco,nonostante la mia volonta di non mandare daniele da questa persona che a me e alla mia famiglia non piaceva ,non ha voluto darmi ascolto per daniele una parola data era  come se avesse firmato un ducomento dal notaio .......  lui   manteneva la parola data.ma quel giorno lunedi 13 la bestia aveva bevuto ,ubriaco e non vedente si è messo alla guida della panda di sua moglie e mentre daniele arrivava lui ha girato e gli ha tagliato la strada !!!!!!!!!daniele è entrato in coma subito ma per le troppe lesione riportate dopo 7 giorni se ne è andato anche lui ,la mia disperazione era incontenibile ,potevo pensare che ci voleva un legale ????si è fatto avanti lo stesso legale che avevamo per umberto ,ma questa volta in nome dell'amicizia e con la voglia di avere giustizia ,non DENARO ma giustizia almeno quello::::::: dato che avevo perso tutto ma ancora una volta mi ritrovo con le mosche in mano ......


Commento n. 7 

da CIANA il 06/11/2008 * 22:36

CIANA:la mia esperienza per la tutela della difesa dei miei diritti di madre lesa.molti di voi conoscono il mio calvario di madre ,perdere due figli ,significa non vivere piu ,Umberto è stato travolto e ucciso a Guidonia (ROMA)IL 17 GIUGNO 1999 ,è morto dopo 4 ore di coma ,il mio pensiero in quel momento era di riportare umberto a roccagorga  ,volevo mio figlio vicino non volevo tornare a casa senza di lui ,per questo motivo quando mi hanno proposto un legale ,sono stata subito daccordo .mi avevano spiegato che c'erano molte cose da fare che di certo non potevo  fare io ci voleva qualcuno competente,un avvocato ,io non ho chiesto ne chi era ne a cosa servisse ho fatto quello che mi hanno detto di fare ,umberto è stato preso in pieno da una distratta dal suo telefonino lui era a piedi stava tornando a casa dopo una giornata di duro lavoro ,faceva il carpentiere ,dopo mi è stato spiegato che avremmo avuto dalla assicurazione un risarcimento ,dopo 8 anni di rinvii è arrivata la sentenza ,un concorso di colpa tre mesi di ritiro di patente e sequestro dell'auto subito dopo l'incidente ,non è stato fatto piu niente ,la vita di mio figlio 22 anni !!!!è stata risarcita ,chissa perche io madre non ne sono mai stata contenta ,anzi il dolore per la perdita di mio figlio mi ha fatto odiare il denaro è la cosa piu brutta del mondo uccidono tuo figlio e poi te lo pagano .............

Commento n. 6 

da mjlass89 il 05/10/2008 * 16:46

CIAO A TUTTI!!!!! IO HO PERSO 2 AMICI IN UN'INCIDENTE STRADALE... SAMUELE DA 4 MESI 18ENNE è MORTO LA MATTINA DEL 23 APRILE DEL 2007 ALL'UNA, TORNAVA DAL CAMPETTO DA RUGBY DOVE SI ERA FESTEGGIATA L'APERTURA DEI NUOVI SPOGLIATOI, CHE LUI AVEVA AIUTATO A COSTRUIRE... LA MACCHINA è USCITA DI LATO è HAI PRESO LA RECINZIONE CON LA TUA PUNTO NERA, UN PALETTO SI è SPEZZATO IN DUE è ENTRATO DAVANTI AL PARABREZZA E TI HA COLPITO LA TEMPIA, TU SEI MORTO COSì SUL COLPO, ERI HA 100 METRI DA CASA TUA... ALLE 3 UNA MACCHINA KE PASSAVA CASUALMENTE PER QUELLA STRADINA SI è ACCORTA DELL'ACCADUTO, MA TU ORMAI ERI GIà IN CIELO ASSIEME AL TUO FRATELLINO NATO/MORTO NEL '87 CHE PORTAVA IL TUO STESSO NOME SAMUELE!!!!!!! IO TI CONSIDERAVO MIO CUGINO IN QUANTO STAVI CON MIA CUGINA E LO SEI ANCORA ANGELO MIO... TU DICEVI SEMPRE MORIRò ANCH'IO TUTTO IL RAMO MASCHILE KE PORTA IL MIO COGNOME STA MORENDO... E COSì A MAGGIO DI QUEST'ANNO TI HA RAGGIUNTO ANCHE CLAUDIO, IL TUO PAPà...... DISTRUGGENDO QUEL COGNOME E LASCIANDO TUA MAMMA E TUA SORELLA NEL DOLORE PER SEMPRE... SAMU TI VOGLIO BENE CUGINO MIO X SEMPRE!!!!!!!!!


Commento n. 5 

da fabrizio il 24/06/2008 * 00:11

La mia storia è a lieto fine, riguarda me che sono ancora qui a scrivere. Accadde 20 anni fa esatti, giugno '88, sulla strada provinciale per Gioia dei Marsi (AQ). Ad un certo punto la mia auto impazzì, cominciò a fare testacoda, sembrava di volare ma quando il volante (che girava talmente forte da non potersi quasi toccare) terminava la sua corsa, l'auto veniva gettata violentemente dall'altro lato. Vedevo gli alberi di ulivo che costeggiano quella via venirmi addosso e poi allontanarsi di botto. Sfiorai un frontale guardando negli occhi l'altro autista tanto era vicino. L'auto mi era stata manomessa per dispetto - bulloni delle ruote svitati -vicino la caserma in cui prestavo allora servizio (era un dispetto di cui molti erano stati oggetto, e presso i CC locali dovrebbe esserci ancora la mia denuncia per tentato omicidio). Tutta la scena durò pochi secondi che a me parvero un secolo, ad un tratto, prima che l'auto cappottasse, disintegrandosi sull'asfalto, io vidi tutta la scena dall'alto, non avevo più alcuna sensazione. Poi buio, e luce di nuovo; uscii dall'abitacolo meccanicamente, illeso. Vorrei poter pensare e comunicare questo mio pensiero: forse in quel momento l'anima si allontana per lo choc emotivo dal corpo, e il corpo non soffre, lo spero per tutte le persone perdute negli incidenti stradali e per le famiglie alle quali invio con affetto questa mia piccola riflessione e un abbraccio sincero.

Fabrizio


Commento n. 4 

da Luigia il 14/07/2007 * 19:11

BUONGIORNO,

SONO LUIGIA,E VORREI RACCONTARE QUELLO CHE MI E' SUCCESSO.

IL 14 MAGGIO TORNANDO A CASA IN MACCHINA CON MIO FIGLIO DI 6 ANNI ,HO AVUTO UN INCIDENTE .

UNA MACCHINA (TAXI) HA SUPERATO NELLA CORSIA OPPOSTA ALLA MIA ,INFRANGENDO IL CODICE DELLA STRADA ,POICHE' C'ERA LA LINEA CONTINUA...

IO PER EVITARE UN FRONTALE ,HO STERZATO E SONO FINITA ADDOSSO ALLE MACCHINE PARCHEGGIATE.

L'IMPATTO PURTROPPO HA FATTO CAPOVOLGERE LA MIA MACCHINA.

IL CONDUCENTE NON SI E' FERMATO.

LO SPECCHIETTO DI SINISTRA HA SPACCATO IL MIO VETRO E L'IMPATTO CON IL CEMENTO MI HA CAUSATO GRAVI DANNI AL BRACCIO SINISTRO.

MIO FIGLIO,AVENDO LA CINTURA ED ESSENDO SEDUTO DAL LATO DESTRO,HA RIPORTATO SOLO DEI GRAFFI SULLA MANO SINISRTA.

IO SONO STATA PORTATA IN OSPEDALE.....QUI SONO RIMASTA PER 3 GIORNI CON IL BRACCIO PIENO DI VETRI ,CEMENTO ,E RESIDUI VARI CHE SI POSSONO TROVARE SULL'ASFALTO.

HO DOVUTO ASPETTARE 3 GIORNI PERCHE' NON C'ERA IL CHIRURGO CHE POTESSE DECIDERE COSA FARE DEL MIO BRACCIO........IL TERZO GIORNO MI HA VISTA E HA DECISO DI FARMI TRASFERIRE IN UN ALTRO OSPEDALE!

SONO STATA OPERATA,MI HANNO FATTO UNA PLASTICA PRELEVANDO UN PEZZO DI PELLE DALLA MIA COSCIA!

SONO PASSATI QUASI 2 MESI E HO INIZIATO LA FISIOTERAPIA.

HO FATTO (A MIE SPESE )UNA RADIOGRAFIA E IL RADIOLOGO HA DETTO CHE HO ANCORA PARECCHI VETRI!SECONDO LUI AVREBBERO POTUTO "RIPULIRMI" COMPLETAMENTE!

HO DOVUTO INOLTRE FARE UNA ECOGRAFIA (A MIE SPESE)E ANCHE L'ECOGRAFO MI HA DETTO CHE CON APPARECCHI SPECIALI AVREBBERO POTUTO "RIPULIRMI"DEL TUTTO...

HO ANCORA UNA QUINDICINA DI VETRI,I MEDICI CHE MI HANNO OPERATO MI HANNO DETTO CHE COL TEMPO "USCIRANNO DA SOLI!!!!SENTIRO' PUNGERE E DOVRO' ANDARE A FARLI TOGLIERE....QUESTA STORIA AVRA' FINE?

 

 

LA MIA DOMANDA E' QUESTA

SONO STATA ASSISTITA NEL MODO GIUSTO NEI DUE OSPEDALI?

SARO' "RIPAGATA" DA TUTTO QUELLO CHE MI E' SUCCESSO?

HO 3 FIGLI E PER UN LUNGO PERIODO NON HO POTUTO OCCUPARMI AL MEGLIO DI LORO....QUESTO DANNO NON ME LO RIPAGHERA' NESSUNO!!!!

SPERO DI AVERE UN VS. GRADITO RISCONTRO

LUIGIA


Commento n. 3 

da Rosy il 17/05/2007 * 12:51

 Cara Elisa è quasi due anni che me lo chiedo anchio ,perchè c'è chi  campa 100 anni  ,chi invece muore nel fiore della vita.Purtroppo non mi so dare spiegazioni ,dopo che ho perso il mio Angioletto oggi avrebbe compiuto 12 anni,se quel maledetto non me l'avrebbe ammazzato. Comunque sono vicina a tutti in particolar modo ai genitori di queste vite spezzate per colpa di altri.

Commento n. 2 

da assunta1 il 08/05/2007 * 15:18

Non ho altro spazio per far sapere a tutti quanto ci manca Antonio,il nostro caro Antonio scomparso la sera del 18 febbraio 2007. scrivo qui il messaggio di una sua amica per far capire a tutti com'era e com'è importante per noi
Non ci credo…è successo ancora.
Oggi è come se mi avessero strappato il cuore.
Come si può immaginare di non vedere più il viso di una persona amica dalla sera alla mattina? Me lo sono sempre chiesto e ora imparerò a conviverci, perché Antonio, purtroppo, non c’è più. Se penso a quello che è successo, mi domando perché ci siano persone che hanno la fortuna immensa di vivere fino a cento anni e altri la cui esistenza viene orrendamente interrotta da una strada maledetta, ad appena diciannove.
Antonio era un ragazzo splendido, ed era impossibile non essergli amico/a, era un ragazzo serio e buono…con un sorriso dolce e luminoso.
Con me sei sempre stato disponibile, simpatico, gentile e sincero…la strada ha portato via solo il tuo corpo, il Signore ha preso con Se’ la tua anima, ma a tutti noi rimarrà, sicuramente, il ricordo del tuo cuore…il tuo grande cuore.
Anche se non conoscevo bene Paola, oggi mi sembra di aver perso una sorellina…
Il Signore ha chiamato a Se’, altri due piccoli angeli...facciamoci forza…tutti quanti.
Lory e Francesca, loro vi sono vicini, io vi sono vicina.

Buon riposo, fratellini miei…

Mary…..


Commento n. 1 

da elisa84 il 29/04/2007 * 15:15

sono un infermiere rianimatore....lavoro al pronto soccorso...soccorro decine e decine di persone e di giovani dopo incidenti stradali...dovrei essere abituata, ed invece ogni volta è una pugnalata nello stomaco. anche soltanto leggere queste testimonianze...e mi chiedo, perchè?! ragazzi la vita è una sola. so che si pensa che non potra mai succedere a noi, che si, fa dispiacere leggere di quel ragazzo cosi giovane ma tanto io sto attento....e invece no, la maggior parte delle persone che ho tirato fuori vive da un codice rosso mi hanno proprio raccontato che "non avevano mai pensato potesse succedere a loro"...e il mio pensiero va soprattutto ai parenti di quelle persone, a quei genitori che hanno ricevuto telefonate che non avrebbero mai pensato di ricevere e non avrebbero mai voluto ricevere. telefonate che tante volte ho dovuto fare anche io! allora pensiamoci un attimo di più...perchè quando le cose sono successe, tornare indietro è difficile, e spesso impossibile

Social

^ Torna in alto ^