Lungo la via…prudenza e cortesia”: riscopri il piacere di…guidare con calma!  A.I.F.V.S. onlus
         
Cerca nel sito
Ricerca personalizzata
Giornata mond. ONU
Menù principale
+ Iniziative nazionali
+ Attualità
+ Iniziative Sedi
+ Opuscoli Memorie
+  Giustizia
+  Prevenzione
+ Assistenza Psicologica
+ Filmati Media & TV
+ In caso di incidente
+ Le vergogne
+ Convegni nazionali
+ Libri & Poesie
+ Archivio
+ Appelli e ricerca testimoni
+ Collaborazioni
+ Comunicati stampa
+ Contatti & mail
+ Punto d'ascolto
+ Sondaggi AIFVS
+ Testimonianze
+ pages
L'Associazione AIFVS
Video AIFVS
+ Memorial
+ Servizi giornalistici 2015
+ Servizi giornalistici 2014
+ Video Memorie
Agenda
Galleria foto
+ Fiaccolata per Umberto e Daniele
+ Giornata Mond. Del Ricordo
+ Grosseto
+ I Corti di Mauri
+ La AIFVS dal papa
+ Manifestazioni delle croci
+ Memorial Stefano e Fabio
+ Mobility DAI
+ Motor Show
+ Riva-del-Garda
+ Sede Cinisello B
+ Sede Matera
+ Sede Torino
+ Sede di Potenza
+ SicilyAwards
+ Una notte per la vita
+ UnioneNazionaleCavalieri
+ articoli stampa nazionale
+ calcio
+ fossalta
Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito consente l'invio di cookies di terze parti. Se vuoi saperne di piu' e/o disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookies. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'utilizzo dei cookies.  Privacy policy e cookies policy     Policy-socialnetwork
 

Chiudi

Altri Video

fermer Mettici la testa 2006 parte 1

fermer Mettici la testa 2006 parte 2

fermer Mettici la testa 2009 parte 1

fermer Mettici la testa 2009 parte 2

fermer Sensibilizzazione

fermer Video della vergogna

fermer Servizi TG

fermer Servizi giornalistici

fermer Sicurezza stradale

fermer Video shock

Giornata del ricordo
POLICY socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 1734

Username:

Password:

[ Password persa ? ]


[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 12
Opuscoli 11° volume 2010: Emanuele Marinacci

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Emanuele Marinacci, 24 anni - Marsciano (PG)  6 giugno1983 - 15Aprile2007

Emanuele Marinacci.jpgSolo da poco tempo sono venuta a conoscenza di questa associazione tramite internet e non avrei mai voluto unirmi alle tante storie raccontate, di queste povere vittime.  

Questa è la tragica e dolorosa storia di mio figlio Emanuele, che ci ha lasciati a soli 24 anni in un incidente stradale. La sua morte è un fatto irrisolvibile, irreversibile, come la morte di qualsiasi altro essere umano,ma la conoscenza delle ragioni per cui i fatti accadono, soprattutto quelli così tragici e improvvisi, diventa una sorta di culla sulla quale il dolore si adagia. Ciò che oggi mi spinge a scrivere è la necessità di sapere come di preciso sono andati i fatti quel giorno maledetto.

Era una tranquilla domenica di primavera il 15 aprile del 2007, dopo un magnifico pomeriggio passato in famiglia, Lele (così noi lo chiamiamo), intorno alle ore 18.00 , ci saluta con baci e abbracci, come era sempre solito fare, per raggiungere gli amici.
Circa alle 20.27 Lele si trova a percorrere la superstrada E45 3 BIS, quando al km 52, direzione nord, presso località Ripabianca ( frazione del comune di Deruta ) la sua bravo perde il controllo , per cause non accertate ( puramente ipotizzabili come distrazione), urta il guard-rail poi l'impatto sul newjersy e il suo corpo vola sull’asfalto per poi essere investito e trascinato per circa 20 metri da veicolo/i i cui conducenti sono completamente ignoti allo stato attuale. 

Dal momento in cui Lele è stato scaraventato fuori dalla sua vettura, la ricostruzione certa dei fatti si ferma, e iniziano i nostri laceranti dubbi.
Alle 21,45 il telefono di casa suona, è un’amica di Lele che ci informa dell’incidente, pur non essendo a conoscenza delle sue condizioni; così, dopo svariati tentativi di metterci in contatto con lui, io, suo padre e suo fratello, ci siamo fiondati in macchina per raggiungere il posto.

La strada era bloccata dalle macchine e il traffico interrotto per circa 2 km, così eravamo impossibilitati a raggiungere il luogo dell’incidente; ricordo i bagliori dell’ ambulanza, dei vigili fuoco e dei carabinieri, che si scorgevano in lontananza; le parole diventano mute davanti alla possibilità di descrivere la sensazione che si prova in quei momenti; solo chi c’è passato può capire.
Chiedendo informazioni agli automobilisti trovati in coda ci dissero che nostro figlio veniva trasportato al pronto soccorso del policlinico Silvestrini di Perugia, cambiammo subito strada, per dirigerci lì.

Intorno alle 23.00 eravamo ancora al pronto soccorso,ad aspettare un’ambulanza fantasma, che non è mai comparsa davanti ai nostri occhi. Mio figlio, lo conoscevano tutti, in paese, e non ,la notizia del fatto, aveva provocato un tale eco, da far arrivare, come dei fiumi in piena, parenti e amici.
Loro sapevano già, che quell’ambulanza non sarebbe arrivata mai, ma nessuno aveva il coraggio di dircelo.

Ricordo un vigile del fuoco venirmi incontro, con espressione contrita,e dopo aver posato nelle mie mani la catenina che Lele portava al collo, mi ha consegnato i suoi documenti, dicendomi che qualcuno, non ricordo chi ci avrebbe dato delle spiegazioni.
Spiegazioni che ho aspettato a lungo e invano e che cercavo con muta disperazione nei volti di chi mi passava accanto.
Dopo un po’, la notizia che mio figlio si trovava all’obitorio, arrivò anche a noi .
L’atrocità di quei momenti era talmente forte che non riuscivamo a sentirli veri, come se non stessero realmente accadendo a noi, cambiando per sempre le nostre esistenze; lo stato confusionale anestetizzava l’amara consapevolezza che Lele non sarebbe più tornato a casa.

Volevamo vederlo a tutti i costi, ma non ci fu permesso; la motivazione era che, il suo corpo, doveva essere pulito. Più la rileggo, più mi sembra assurda.
Noi non l’avevamo visto, infondo, potevano anche essersi sbagliati e l’illusione di vederlo rientrare ci accompagnò fino a casa per poi essere infranta il mattino seguente.

Da quella sera sono passati due anni e mezzo e al crescere della consapevolezza, dell’assenza fisica di Lele, della sua dolce essenza, crescono anche forti incertezze sulla dinamica dell’incidente. La prima verte sul fatto che l’autopsia sul suo corpo non è stata autorizzata ne eseguita da nessuno. Perché? Si potrebbe ipotizzare che la non effettuazione dell’autopsia sia dovuta a due diverse ragioni: la prima è che in sede di accertamento da parte delle forze di polizia, nel luogo in cui è avvenuto il decesso, la polizia medesima, abbia reso note delle circostanze tali da escludere in modo certo che il decesso medesimo sia stato conseguenza di eventi diversi da un incidente compiuto in modo individuale; la seconda ragione potrebbe ricondursi ad una colpa del medico ( colpa intesa in senso tecnico come negligenza, imprudenza e imperizia), il quale era adibito all’effettuazione dell’autopsia di cui trattasi.

Un altro argomento di forte incertezza, conseguente al primo, riguarda il momento esatto della morte. Ci è stato detto che il decesso è avvenuto sul colpo (per tanto senza il coinvolgimento di terzi) , ma pochi giorni fa il nostro legale ci informa di alcune certezze rivelate da un testimone , un medico di passaggio che ha prestato soccorso a mio figlio sostenendo che era ancora in vita; per tanto il suo decesso sarebbe avvenuto in un tempo successivo all’investimento e non prima, come ci era stato inizialmente riferito. La testimonianza del soccorritore è in totale contraddizione con l’ipotesi del personale medico e in oltre, mancando i presupposti idonei a giustificare un assenza di autopsia, sembra doversi ritenere a questo punto necessario rivalutare l’incidente nel suo complesso, a principiare dalla determinazione del momento esatto in cui il decesso è avvenuto.

Quindi : qual’ è la causa tangibile e scientificamente provata della sua morte?Sono due anni e mezzo che non vedo Lele, non lo abbraccio, non sento la sua voce, non apparecchio per lui a tavola e una semplice ipotesi non può bastare.
Così, nonostante è passato del tempo, ho deciso di uscire dal mio tormentato silenzio, di dar voce a miei pensieri e fare una sorta di appello, attraverso questo sito, a tutti coloro che sanno, che hanno visto e che non hanno mai parlato. Cerchiamo quelle persone che sono passate di lì, quella sera, in grado di riferire circostanze utili alla definizione della vicenda nel modo più esauriente possibile; personale di primo soccorso, che potrebbe aver visto o informalmente sentito persone che si trovavano sul posto prima del loro arrivo; qualsiasi cosa, anche minima, potrebbe fare molto la differenza.

Mi rivolgo, però, in particolare a coloro che hanno investito e trascinato il suo corpo senza fermarsi e prestare o chiedere soccorso. Questo pensiero, ci fa impazzire, e non credevamo ci fosse qualcosa di peggiore della morte di Lele. Mi chiedo, come possono, queste persone, convivere con la propria coscienza come se nulla mai fosse accaduto.
So che è una battaglia inutile e dolorosa, perché niente e nessuno potrà restituire la vita di mio figlio, ed anche se non troverò le risposte che cerco sento che è giusto così, devo difendere la dignità di mio figlio, per non farlo morire due volte: sull’asfalto e nell’indifferenza. Un ultimo pensiero e desiderio: Poter conoscere e incontrare la signora che si è presa cura di mio figlio tenendogli la mano dolcemente, chiamando disperatamente i soccorsi; spero tanto un giorno di poterla abbracciare e ringraziare, augurandole tutto il bene di questo mondo. Ringrazio anticipatamente chiunque è in grado di aiutarmi. La mia mail è: m.carla@hotmail.it, per chi volesse rimanere anonimo.


O visitatore che passi da queste parti,
fermati un momento e ascoltami:
-Sono stato un fanciullo bello e molto amato,
ho conosciuto la felicità xk ho saputo amare,
ho pianto in silenzio xk ho saputo soffrire,
ho trovato la forza nel dolore per continuare a lottare,
ho asciugato lacrime per far sbocciare sorrisi,
ho giocato a fare peter pan con i bambini.
Per amore e per amicizia,non ho conosciuto
ostacoli, nè limiti né confini.
Avevo appena compreso il vero significato della vita,
ma non feci in tempo a volare che il sonno eterno mi colse troppo presto.
Tu visitatore che puoi ascoltare la voce di un passeggero,
e vedere la luce del giorno,sorridi di gioia a qualsiasi età,
e cogli tutti i fiori del tuo giardino xk non c'è al mondo,
altra stagione,migliore della vita.
 
Grazie per tutto ciò che fai per noi.........cucciolone adorato
mamma papà e il tuo amato fratello

 

 


Data creazione : 25/02/2010 * 23:08
Ultima modifica : 25/02/2010 * 23:19
Categoria :
Pagina letta 6761 volte


Stampa pagina Stampa pagina

Opinioni su questo articolo


Commento n. 9 

da biagioLuigi il 08/03/2010 * 19:20

Forrza e coraggio col cuore vi sono vicina......per te bellissimo Angelo da lassù proteggi la tua famiglia....un abbraccio mamma di Luigi Ciaramella ops 10

Commento n. 8 

da paolarosa il 08/03/2010 * 01:50

un bacio a te EMANUELE e forte abbraccio ai tuoi...non posso fare altro che sussurrare loro -'''CORAGGIO'''...con coraggio si va' avanti e si impara a convivere con il dolore....sono 13anni e mezzo che vivo e convivo con la sofferenza di non poter piu'   vedere abbracciare  ascoltare accarezzare la mia PAOLA. di 15anni e mezzo ...e il tempo si trasforma in un attesa..un attesa che ci trasforma e ci avvicina di piu' a loro se non fisicamente  ma sicuramente spiritualmente... (vedi  vol 7...

Commento n. 7 

da carla il 07/03/2010 * 08:27

Con la speranza che con l'impegno di tutti per una solidarietà nel rispetto del prossimo e d'amore si sostituiscano all'indifferenza.

Ciao Emanuele.Vi abbraccio con affetto, ilia


Commento n. 6 

da gerardo il 03/03/2010 * 15:33

un abbraccio e siate sempre forti, lo vuole anche Lele!!!

Commento n. 5 

da carmilla il 02/03/2010 * 15:40

Ricordo che anche io mi sono attaccata con la forza della disperazione al pensiero che forse si erano sbagliati, che forse per un qualche caso strano avevano trovato i documenti di mio padre addosso a qualcun'altro; questo per circa 2 ore, da quando mi hanno chiamato per comunicarmi la notizia, fino al momento in cui l'ho visto. Poi purtroppo non ci sono stati dubbi....

Spero tanto che riusciate a fare chiarezza sull'incidente, e mi sono commossa nel leggere che una signora è stata accanto ad Emanuele fino all'arrivo dei soccorsi. Un abbraccio

  Federica


Commento n. 4 

da cat il 28/02/2010 * 14:28

cari genitori, capisco benissimo  il  vostro  dolore  e la  rabbia  insieme......la  mia e' quasi 8 anni  che non  c'e' piu'..... prima  anch'io  ho  pensato..no' non  puo'  essere  lei....lei  torna....... ma  ci si  arrende... e  si  corre tutti  i  giorni al cimitero..perche' non  ce  la  fai  a  lasciarla....... non puo'  essere  vero..........e  poi  la  rabbia...  di  scoprire  come  sono  andate  le  cose.... ci  accomuna  tutti qui......la  non curanza.....  che  quei  primi  momenti  di  soccorso, oltre a salvare la  vita...... sono  le  prime  , importanti  prove, per  la  conoscenza e  colpevolezza dell'evento, di  chi  vede  ..e  sparisce....e  la  polizia  per  prima...non  ferma  e registra le targhe, se  non  i  documenti  di chi  era  li'..di  chi  ci  puo'  rispondere..alla  domanda......ma  com'e'  andata????? cosa e' successo????? noi  vivremo  sempre  con  il  dubbio, il tormento  che  si  poteva  fare qualcosa... che non e' stato  fatto.....e  perche'????? e  perche' se  esiste  un  errore..perche'  non  lo  si  corregge??????  eppure sembra  cosi'  banale...... non  c'e'  un iter  da  seguire????  arrivare, soccorrere, prendere eventuali testimoni., rilevamenti,.ecc... o  spetta  a  noi  genitori... dopo.....quando  si  sono decisi a dirci qualcosa.....  a  doverci  mettere sotto,  a fare  il  loro  lavoro...che ormai...... la  strada e'  deserta..a  chi chiedere??????sui giornali..c'era  scritto  che  ci  avevano  avvisati...ma  chi???? un tam tam di voci..... io  sono ancora  qui  che aspetto....dopo 8 anni danno la  colpa  alla mia.........che ha ucciso l'amica......ma  chi c'era???  chi ha  visto?????

un  abbraccio fortissimo,  sono  vicina  al  vostro  dolore, rosa mamma di  cinzia , memorie 10


Commento n. 3 

da LUCIANA58 il 27/02/2010 * 00:13

MI  ADDOLORA  MOLTO QUESTA STORIA DI QUESTI GENITORI ,DEVE  ESSERE ORRIBILE NON SAPERE  CHI HA DISTRUTTO LA NOSTRA VITA ,SPERO CHE  QUALCUNO POSSA METTERSI LA MANO SULLA COSCENZA  UN ABBRACCIO  A TE MAMMA  E A TE  PAPA' ...................LUCIANA

Commento n. 2 

da scarlettrouge il 26/02/2010 * 23:44

alla famiglia di emanuele.....forza e coraggio... il vostro bellissimo angelo starà per sempre con voi....vi sono vicina nel dolore..silvana la mamma di gianni cecchini op.10....un bacio a te emanuele.....

Commento n. 1 

da rosalba il 26/02/2010 * 00:58

Alla famiglia del dolcissimo Emanuele che non ho mai conosciuto un abbraccio affettuoso
InizioPrecedente [ 1 2 ] SuccessivoFine
Social

^ Torna in alto ^