AUTOVELOX i nuovi modelli per maggior efficienza .
Autore Messaggio Discussione di admin (02/12/2006 @ 12:10)
Titolo : AUTOVELOX i nuovi modelli per maggior efficienza .
salvatore
Visitatore
IP : 79.12.242.185
Postato il: 22/06/2007 @ 19:52
Avv Cesari...esulo un attimo dal tema in discussione anche se rimarro' nell'ambito generale attiguo ai temi qua trattati.Secondo lei quando avremo una tabella unica per la valutazione del danno biologico permanente per le invalidita' da 10 a 100 punti percentuali??...o se crede,una legge,un decreto o quant'altro.In che tempi e' presumibile che si arrivera' a una situazione unitaria nazionale?
 
locked
avvocatocesari
Membro
Visite: 7627
Discussioni: 357
Messaggi: 1307

Offline
Postato il: 22/06/2007 @ 20:34
Sono stato membro della commissione ministeriale per la tabella medico legale e la tabella che è stata definitivamente approvata è stato il frutto di un compromesso... fortunatamente il mio "maxiemendamento" ha corretto una impostazione della tabella che non condividevo assolutamente per la migliore garanzia dei diritti delle vittime della strada.

Purtroppo il Ministro delle Attività Produttive, al contrario di quello della Salute della passata legislatura non ha inteso provvedere alla integrazione di membri rappresentanti le vittime della strada nella commissione ministeriale per la tabella dei valori monetari dei punti che dovrebbe sostituire quella dei Tribunali per cui il prodotto di quella commissione è il fruutto di una commissione non "partecipata" democraticamente dalle vittime della strada tramite la sua rappresentanza riconosciuta dal Governo quale associazione di promozione sociale.

Le due tabelle del danno biologico da dieci e cento punti di invalidità, quella medico legale e quella attuariale, hanno il medesimo oggetto: il valore umano perduto e quindi esiste uno squilibrio di partecipazione nella loro formazione che vizia l'intero sistema tabellare.

Allo stato attuale è quindi un bene che le due tabelle non abbiano avuto la formale pubblicazione legilativa da parte del successovo governo Prodi, anche perchè la fretta nella approvazione del testo finale ha prodotto numerose sviste che sono state discusse e dibattute nel convegno di Fiuggi dell'anno scorso promosso dal SISMLA che meriterebbero ulteriori approfondimenti utili prima della pubblicazione legislativa.

Ritengo pertanto che sarebbe cosa buona se il Ministro della Salute riconvocasse la commissione con la partecipazione democratica della rappresentanza della AIFVS per un ulteriore aggiustamento e se il Ministro delle Attività Produttive provvedesse a formare una nuova commissione che legittimi senza correzioni la tabella del Tribunale di Milano quale tabella nazionale dato che la prassi la vede applicata nella quasi totalità dei Tribunali Italiani da parte dei magistrati per il solo danno biologico.

Si deve però anche tenere in considerazione che il danno biologico non esaurisce in sè quale accertamento e valutazione il danno alla persona ovvero che il danno alla persona non è solo danno biologico ma anche danno esistenziale e che prima di tutto occorre valutare la lesione della dignità umana soggettiva e poi, dopo, la lesione della integrità psichica e fisica, il danno biologico.

Siamo stati educati a vederci quali vittime solo invalidi nel corpo e nella psiche e non primariamente nella dignità..., le cose cambiano ed i metodi di valutazione anche.

Quando si comprenderà che occorre prima chiedere il risarcimento della violazione della dignità umana e poi della invalidità fisica si compierà un grande salto di civiltà.

Le tabelle sono uno strumento approssimativo, orientativo ed indicativo del valore minimale umano perduto, al di là dei numeri esiste la perdita della qualità della vita, l'essere umano nella sua interezza e nella sua personalità che merita attenzione, rispetto e cura.

La tabella unica nazionale si spera che veda la luce quando il Governo preferirà tutelare l'interesse per il bene dell'esssre umano piuttosto che quello della società o della economia privata assicurativa quotata in borsa.

Ritengo però che il Governo Prodi stia per varare un sistema di indennizzo per le vittime dei reati; una cosa è certa, nessun esperto vittimologo che io conosca è stato interpellato quale esperto per cui... stiamo a vedere cosa succede.... e speriamo bene!

Avv. Gianmarco Cesari - Avvocato della Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada   


P:S: Posti l'argomento nella sede corretta del forum altrimenti l'amministratore del sito, che senz'altro sposterà questa discussione nella sua giusta sede..., si inquieterà!




.   
 
locked
Salvatore
Visitatore
IP : 79.12.242.185
Postato il: 22/06/2007 @ 21:16
Grazie Avvocato Cesari per la sua gentile ed esaustiva risposta.Concordo con quanto da lei detto.La tabella di Milano e' cmq la piu' seria sotto molti punti di vista.Aggiungerei che anche a Torino (dove parificano il danno verso un giovane a quello verso un anziano) usano un criterio molto interessante ed innovativo,giacche' l'anziano spesso nn riesce a recuperare gli esiti del danno negli anni che rimangono da vivere.Sono nel pieno della trattativa con l'assicurazione.Mia suocera e' stata investita...e   siamo nel delicato momento in cui si dovrebbe giungere ad un accordo o,altrimenti,continuare per vie legali."Loro" hanno usato la Tabella del tribunale di Bologna (che riconosce cifre ridicole alle vittime...)perla quantificazione del danno biol. permanente.Se e' vero che non possiamo esaurire il discorso con la questione tabbellare,tuttavia,credo che sarebbe davvero molto utile avere una tabella unica valida su tutto il suolo nazionale.Per un paese come l'Italia,un punto di riferimento assoluto nel campo della valutazione del danno biologico permanente sarebbe cmq cosa buona.Le assicurazioni ci marciano in questa situazione.Preferirei una tabella "Milanese" anche solo al 60% piuttosto che l'anarchia di oggi!! Credo che sia assolutamente ingiustificabile il non arrivare a una conclusione nazionale unitaria in questa vicenda.Spero che persone serie come lei spingano per giungere ad un accordo in tempi brevissimi,anche se nn completamente soddisfacente.E' piu' importante mettere un punto sicuro piuttosto che ottenere il massimo dei vantaggi.
 
locked
brunopascia
Visitatore
IP : 87.15.146.112
Postato il: 24/10/2007 @ 17:11
Anche io sono una vittima della strada, senza nulla togliere e con tutto il rispetto per la serieta di questo gruppo ed il loro scopo.
Mi sono visto togliere 4 punti, due alla volta oltre ovviamente alla multa per aver viaggiato a 68 km/h, la prima volta dopo dieci metri dal cartello dei 50 con   macchina "in borghese".
La seconda volta in un paesino del mugello, S.Pietro che di autovelox ne ha CINQUE piazzati, bene, io l'ho preso alla sesta postazione, di nuovo probabilmente camuffata da auto parcheggiata. Nessun segno di vigili anche se sul verbale apparivano affacendati a dare multe. Alla mia richiesta di vedere questi verbali simultanei o quasi mi e' stato risposto che per la privacy non si poteva. Ho chiesto anche di accollarmi la multa ma di evitare i punti, dato che mi sembrava assurdo. Dopo avermi spiegato che ne avevo comunque 22 e quaindi non dovevo proccuparmi piu di tanto.... mi hanno detto che se pagavo il doppio, quindi non dichiarando chi era alla guida l'avrei "fatta franca".

Questa e' prevenzione???

bruno

 
locked
Pasquale
Visitatore
IP :
Postato il: 25/10/2007 @ 14:35
volevo sapere dal Sig.Avv. Gianmarco Cesari se è vero che si possano omettere le generalita di chi era alla guida pena il doppio della sanzione?
 
locked
InizioPrecedente [ 1 2 ] SuccessivoFine

Skin by GosubJ