risarcimento
Autore Messaggio Discussione postata il 01/02/2007 @ 20:25
Titolo : risarcimento
silviaa
Visitatore
IP : 151.57.215.85
Gentili consulenti, ho giÓ in passato esposto la dolorosa vicenda che mi ha vista coinvolta come vittima della strada e nella quale ho perso Luca, la persona pi¨ importante che avevo al mio fianco. Ad oggi, alla vigilia del quarto anno, la Compagnia non ha ancora formulato un'offerta di risarcimento = NON HA ANCORA AVUTO IL CORAGGIO DI SBORSARE UN CENTESIMO!!!, e mantiene questo atteggiamento arrogante. Il conducente della macchina non ha MAI negato la dinamica dell'incidente e le proprie responsabilitÓ; la Compagnia ne ha invece fatto una ricostruzione assolutamente fantasiosa, priva di qualsiasi dimostrabilitÓ in sede tecnica e testimoniale, giusto il modo per resistere in sede giudiziaria. Il conducente della macchina si Ŕ dichiarato responsabile anche nel procedimento penale che io ho promosso su querela di parte, oltre ad aver patteggiato in quello per omicidio colposo perseguito d'ufficio. A lui inoltre la Compagnia ha fatto sapere che il danno era stato risarcito (cosa assolutamente non vera), a dimostrazione del fatto che non hanno nemmeno il coraggio di ammettere lo sporco gioco che stanno conducendo! Come giÓ avevo accennato e raccogliendo il suggerimento di Veronika vorrei segnalare tutto questo a una trasmissione televisiva tipo mimandaraitre, magari inizialmente evitando riferimenti precisi ma girando il testo della mail all'ufficio reclami della Compagnia, giusto per far sapere che parlo di loro e che non mi vergognerei a trascinarli di fronte al pubblico. La mia domanda per˛ Ŕ:
- Ŕ sconsigliabile un'iniziativa di questo tipo?
- e in considerazione del fatto che c'Ŕ una causa civile in corso un'iniziativa di questo tipo potrebbe pregiudicare qualche diritto? (tipo segreto istruttorio, ecc...)
- per quale motivo la Compagnia indica quale teste per l'udienza di assunzione dei mezzi di prova prevista tra una decina di giorni una persona (un investigatore assicurativo) che non era presente sul luogo dell'incidente per testimoniare sulla dinamica? (una persona che non c'era cosa pu˛ dire?!?)
Ringrazio per la disponibilitÓ e auguro a tutti una buona serata.
 
locked
avvocatocesari
Membro
Visite: 7627
Discussioni: 357
Messaggi: 1307

Offline
Postato il: 02/02/2007 @ 10:05
"Accanimento difensivo": cosý io qualifico nei miei atti la negligente condotta processuale dell'impresa di assicurazioni che nonostante una evidente responsabilitÓ dell'assicurato quale responsabile civile pone in essere tramite il suo legale fiduciario (che spesso non partecipa mai personalmente alle udienze ma si limita a figurare tramite sostituti processuali..) una difesa tendente ad ostacolare il percorso del processo verso la veritÓ e la giustizia in modo dilatorio, defatigatorio, ostinato, tendenzioso e tale da creare stress ulteriore ed una seconda vittimizzazione soltanto al mero scopo di ritardare il pi¨ possibile il pagamento di una ingente somma danneggiando cosý anche l'immagine dell'impresa stessa e la fiducia degli azionisti. Purtroppo numerosi legali fiduciari di imprese di assicurazioni invece di porre in essere la miglior condotta processuale con serietÓ e professionalitÓ e tentare una conciliazione si lasciano andare all'ostracismo pi¨ ostinato contro la vittima in danno alla fine della societÓ di assicurazioni cliente difesa che alla fine pu˛ anche essere condannata ai danni punitivi e comunque al pagamento di ulteriori somme per interessi e rivalutazione e spese legali, somme che la societÓ avrebbe ben potuto risparmiare agendo con diligenza a seguito dell'instaurarsi dl contenzioso e non con accanimento difensivo, un vero spreco di risorse pubbliche derivanti dalla raccolta dei premi rc auto e un inutile e dannoso aggravio del costo del sinistro in danno degli azionisti soci della societÓ di assicurazioni. Ne Ŕ prova   di questo spreco e danno l'evidente l'enorme numero di sentenze che in Italia condannano le societÓ assicuratrici a risarcimenti non effettuati in fase stragiudiziale o a liquidazioni ben superiori   alle offerte formulate secondo norma di legge stragiudizialmente che costringenti la vittima della strada ad affrontare l'azione giudiziale per ottenere il giusto ed "integrale" risarcimento. Il suo caso, caratterizzato anche dalla menzogna da lei riferita al proprio assicurato in spregio alla diligenza contrattuale derivante dal contratto di assicurazione rc auto,   ritengo meriti una formale protesta in suo nome e per suo conto da parte della associazione stessa nell'interesse non solo suo ma collettivo anche in pubblico come giÓ Ŕ stato fatto utilmente nella trasmissione da lei citata "Mi Manda Rai Tre" in cui assieme al collega convenzionato Avv. Domenico Musicco ed alla Presidente Cassaniti Mastrojeni avemmo modo di partecipare per una caso analogo nei confronti di una impresa designata per la gestione del Fondo di Garanzia Vittime della Strada e che trov˛ consensi e soluzione anticipata grazie all'intervento del responsabile rc auto dell'Ania ed al Presidente della Consap.
La protesta pubblica ben servirebbe ad attirare l'attenzione sullo spreco di risorse derivanti dai premi rc auto per negligenti condotte processuali.
Quale socia potrÓ ben esporre il caso alla segreteria nazionale.   L'associazione ha posto in essere anche nel forum un servizio reclami dove occorre citare il numero del sinistro e l'impresa ed il caso per evidenziare la malagestio dei sinistri all'ISVAP ed   agli alti dirigenti delle imprese di assicurazioni   che spesso sono del tutto all'oscuro dell'operato negligente processuale e vi pongono immediato rimedio.
La Aifvs ha il ruolo di mediatore di controversie risarcitorie che si dilatano oltremodo nei tempi processuali oltre ogni ragionevole tollerabilitÓ avendo possibilitÓ di interlocuzione con l'Isvap e con le dirigenze delle imprese di assicurazioni nell'interesse collettivo e dei singoli soci.   
CordialitÓ.
Avv. Gianmarco Cesari - componente del collegio dei probiviri e avvocato convenzionato AIFVS
 
locked
dansim7
Membro
Visite: 1
Discussioni: 0
Messaggi: 1

Offline
Postato il: 06/08/2008 @ 18:27
salve..sono un ragazzo e l'anno scorso ho avuto un incidente stradale come passeggero..in breve..Ŕ possibile che un avvocato, sui 5800 euro dell'assegno dell'assicurazione, mi devolga solo 2100 euro?
 
locked
genova1956
Membro
Visite: 53
Discussioni: 3
Messaggi: 11

Offline
Postato il: 16/11/2008 @ 00:03
Silvia io l'ho fatto.
Ho mandato una email a mi manda rai tre e mi hanno giÓ contattato.
Mi hanno chiesto di mandargli la documentazione pi¨ rilevante per farsi un'idea e sentire i loro consulenti.
Ora sono in attesa di loro notizie
Ciao
 
locked

Skin by GosubJ