I DATI ISTAT SONO OPTIONAL?
Autore Messaggio Discussione postata il 28/12/2010 @ 18:21
Titolo : I DATI ISTAT SONO OPTIONAL?
ANGELA
Membro
Visite: 335
Discussioni: 14
Messaggi: 73

Offline
la societa' autostrade per l'italia pubblicizza sul giornale " il mattino" del 09/12/2010         
vi abbiamo allungato la vita.         
" il nostro lavoro e' farvi viaggiare piu' sicuri. da quando la societa' e' stata privatizzata nel 2000 ci siamo impegnati per aumentare la sicurezza sulla rete,in linea con l'obiettivo della comunita' europea di dimezzare i morti sulla strada.per arrivarci,assieme alla consulta per la sicurezza da noi costituita con alcune tra le principali associazioni dei consumatori,la polizia stradale ed altri interlocutori istituzionali impegnati sul fronte della sicurezza,abbiamo messo in campo tantissime iniziative,tra le quali:oltre 1.500 interventi di segnaletica e pavimentazioni speciali nei tratti a maggiore incidentalita',la riqualificazione di oltre 2.600 km di barriere spartitraffico anche con l'installazione di barriere di "nuova generazione",la chiusura di tutti i 1.900 varchi aperti sullo spartitraffico con strutture mobili,le campagne di educazione contro i rischi della velocita',dell'alcool e del colpo di sonno ( due milioni di caffe' gratis distribuiti di notte )         
ma c'e' un'iniziativa che ci differenzia da tutti gli altri gestori di reti viarie nel mondo : il tutor,ovvero il sistema di controllo della velocita' media che abbiamo ideato,finanziato e installato in oltre 2.500 km di rete.la gestione di questa tecnologia e' affidata alla polizia stradale e pertanto,le relative sanzioni sono emesse e incassate direttamente dallo stato.         
grazie al tutor abbiamo dimezzato la mortalita' anno su anno e possiamo oggi annunciare di essere andati ben oltre gli obiettivi che ci eravamo posti.dal 1999 ad oggi il tasso di mortalita' si e' abbassato da 11,4 a 3,2 ( - 72%).il che vuol dire circa 300 morti in meno sulla strada all'anno.ma non ci saremmo riusciti senza il vostro contributo.e' per questo che vi chiediamo di continuare a guidare con responsabilita' e prudenza,sempre.         
autostrade//perl'italia"         
ora mi chiedo ma il comunicato sul debito pubblico e strage stradale con i dati istat dal 2000 al 2008 dell'associazione italiana familiari e vittime della strada li ho sognati? confrontiamo i dati rilasciati e pubblicizzati sul giornale "il mattino" del 09/12/2010,dalla societa' autostrade sono in netto contrasto con i nostri dati che vengono da una fonte ufficiale dello stato che e' l'istat,ma come si puo' parlare di sicurezza con dati riportati cosi' in netto contrasto con quelli ufficiali?      
   
Dati ISTAT sugli incidenti stradali anni 2000 e 2008   
                      distinti per Regione   
ANNO 2000                                                   ANNO 2008                -50 %?
incidenti       morti         feriti                incidenti      morti      feriti   
   
1) Piemonte                               15.855               629          22.977                  13.152            332          19.229    no   
2) Valle D’Aosta                           434                  21                  633                         301               10                  403    ni   
3) Lombardia                           48.613            1.040         68.527                  41.827            680            56.953    no      
4) Trentino Alto A.                3.840                122            5.100                     3.053               73               4.027    no   
5) Veneto                                    19.708                714         27.862                  16.744             458          22.970    no      
6) Friuli Ven. G.                      5.800                190            7.820                     4.771             110             6.459    no   
7) Liguria                                     8.718                  135         11.637                     9.428                87         12.058      noo   
8) Emilia Rom.                     24.988                  777         35.059                   21.744             529         29.746    no   
9) Toscana                               17.613                  428         23.368                   18.803             296         24.902    noo      
10) Umbria                                 3.716                  156            5.346                     3.312                   82            4.694   no      
11) Marche                               7.702                   188         10.785                     6.919                132          9.996    no   
12) Lazio                                 16.595                   463         23.407                  27.735                493       38.827    noo   
13) Abruzzo                            4.679                   184            6.752                      3.981                  96            6.043    no   
14) Molise                               1.069                      34             1.475                           577                  27                925    ni   
15) Campania                        6.895                   299          10.992                   11.529             329          17.380    noo   
16) Puglia                                 5.840                     373            9.818                     12.024            353         20.259      noo   
17) Basilicata                        1.148                        60            1.761                           954                  35          1.622      no   
18) Calabria                           3.298                     143            5.347                      3.354                120          5.650    noo   
19) Sicilia                            11.767                     290         17.681                     14.347               364       21.868    noo   
20) Sardegna                        3.663                     164            5.312                        4.408                  125         6.728   noo      
Con questo quadro da barbarie gli enti che gestiscono il territorio si permettono ancora di fermarsi alla lettura dei dati! anzichè assumere strategie di analisi dei problemi per interventi coordinati nel territorio e finalizzati all’obiettivo prioritario di prevenire l’incidente stradale: il suo raggiungimento, come da sempre indicato dall’AIFVS, va verificato e valutato per adeguare sempre più gli interventi. Non stiamo a pietire sempre soldi, ma offriamo un’organizzazione efficace che nel   ridurre fortemente la strage riduce i costi e ci qualifica come operatori responsabili.      
   
   
5/7/2010 Lettera aperta                                                                           
                                                                                                          Ai Presidenti delle Regioni Italiane   
                                                                                                          Al Presidente del Consiglio dei Ministri   
                                                                                                          Al Ministro della Sanità   
                                                                                                          Al Ministro dell’Economia e Finanze   
                                                                                                          Al Ministro dell’Interno   
                                                                                                          Al Ministro dei Trasporti   
   
Ogg.: Debito pubblico e strage stradale viaggiano insieme:   
ridurre gli incidenti stradali per ridurre la spesa sanitaria ed evitare l’incremento dei premi assicurativi.   
   
La spesa del Servizio Sanitario impegna l’80% del bilancio delle Regioni.      
La spesa per la sanità è il 23,3% del totale delle spese del settore statale nel 2009 e      
dal 2003 al 2009 i disavanzi accumulati nella sanità superano i 28 miliardi di euro.      
Nessuno politico, né presidente, né ministro, né deputato della maggioranza o dell’opposizione, è stato capace di rilevare il vantaggio per i conti pubblici che potrebbe derivare dalla semplice riduzione dell’incidentalità stradale! Tutti concentrati ad individuare dove tagliare i fondi e come incrementare le entrate, cioè le tasse.      
Nessuna manovra strategica nel settore sanitario, ma toppe per ridurre i buchi restando invariato il problema!   
E’ una casualita’ che le tre regioni (Lazio, Campania e Sicilia) siano contemporaneamente responsabili del 70%   del totale del disavanzo del Ssn e le uniche regioni italiane che abbiano aumentato il numero dei morti, dei feriti e degli incidenti dal 2000 al 2008?   
Secondo l’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada esiste una correlazione: basti pensare che il costo medio del solo intervento di un’ambulanza per soccorrere un ferito non è meno di 2.500 euro (4 turni di tre persone in una giornata a copertura del servizio prestato con un’autoambulanza costa: 6h/turno x3persone x4turni x60€ = circa 4.500,00€ al giorno più spese di benzina, più ammortamento macchina, più assicurazione, più personale indiretto), poi bisogna aggiungere le prestazioni ospedaliere, altro che ticket per ogni giorno di ricovero, basterebbe smettere di ricoverare i feriti da incidente stradale: 24.062 l’anno nella sola capitale, il 25% del totale nazionale solo nel Lazio, Campania e Sicilia, 310.739 in Italia; aggiungiamo inoltre più di un milione di accessi al pronto soccorso (dati ISS) e poi il costo dell’invalidità conseguente all’incidente stradale, con le spese di riabilitazione, cura ed assistenza! Gli invalidi permanenti in Italia sono circa 20.000 ogni anno!   
Ritorna attuale la nostra reiterata proposta di dare assoluta priorità all’obiettivo di prevenire l’incidente stradale, diffondendo dal centro alla periferia input adeguati per “zero” incidenti,   premiando le istituzioni che raggiungono risultati e sostenendone la diffusione nel territorio.   
Ai Presidenti delle Regioni chiediamo che prima di pensare a tagli di servizi o ad incrementi di tasse si diano da fare per ridurre i bisogni, pretendendo che ogni provincia ed ogni comune si attivino a ridurre nel loro territorio la strage stradale, pena l’addebito delle spese sanitarie – legate al mancato conseguimento di tale obiettivo – all’ente che gestisce il territorio.   
È inoltre da rilevare che l’ANIA, nel Convegno presso la Corte di Cassazione su Sicurezza e Giustizia del 30 giugno u.s., ha dichiarato che il 20% dei sinistri stradali è da addebitare alle strade, e permanendo gli attuali livelli di incidentalità ricorrerà all’incremento del costo delle polizze assicurative.      
L’AIFVS ritiene che il maggiore esborso a cui sono chiamate le compagnie assicuratrici non dovrà ricadere nè sulle vittime della strada con la riduzione dei risarcimenti, e né sui cittadini con aumento del premio assicurativo pur non avendo compiuto infrazioni, ma dovrà essere invece addebitato alle Amministrazioni ed alle Società che gestiscono le strade e le autostrade: un ulteriore motivo perché le Amministrazioni tutte si diano da fare per ridurre la strage nel territorio.      
Per fornire elementi concreti, l’AIFVS ha attenzionato i dati Istat sugli incidenti stradali del 2000 – anno di riferimento per calcolare la diminuzione del 50% da raggiungere entro il 2010 – e confrontandoli con quelli del 2008 ha rilevato in quasi tutte le regioni una situazione variegata e pesante di incidentalità che deve spingere le istituzioni a fare di più.   
Si allega la tabella, utile per riflettere sugli obiettivi da raggiungere al fine di assicurare lo sviluppo della civiltà, che richiede salvaguardia dei valori e azione responsabile per ridurre la strage ed il debito, senza mettere le mani in tasca agli italiani.   
Nello spirito della collaborazione democratica si resta in attesa di riscontro e si porgono distinti saluti.      
                                                                                                                   f.to    Giuseppa Cassaniti Mastrojeni   
                                                                                                                                                Presidente AIFVS   
   
   
up_immagini/IL-MATTINO-9-DICEMBRE-2010-PAGINA-PUBBLICITARIA-SOCIETA-AUTOSTRADE.jpg



angela

locked
ANGELA
Membro
Visite: 335
Discussioni: 14
Messaggi: 73

Offline
Postato il: 31/12/2010 @ 18:21
LA SOCIETA' AUTOSTRADE PER L'ITALIA PUBBLICIZZA SUL GIORNALE " IL MATTINO" DEL 09/12/2010      
VI ABBIAMO ALLUNGATO LA VITA.      
" IL NOSTRO LAVORO E' FARVI VIAGGIARE PIU' SICURI. DA QUANDO LA SOCIETA' E' STATA PRIVATIZZATA NEL 2000 CI SIAMO IMPEGNATI PER AUMENTARE LA SICUREZZA SULLA RETE,IN LINEA CON L'OBIETTIVO DELLA COMUNITA' EUROPEA DI DIMEZZARE I MORTI SULLA STRADA.PER ARRIVARCI,ASSIEME ALLA CONSULTA PER LA SICUREZZA DA NOI COSTITUITA CON ALCUNE TRA LE PRINCIPALI ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI,LA POLIZIA STRADALE ED ALTRI INTERLOCUTORI ISTITUZIONALI IMPEGNATI SUL FRONTE DELLA SICUREZZA,ABBIAMO MESSO IN CAMPO TANTISSIME INIZIATIVE,TRA LE QUALI:OLTRE 1.500 INTERVENTI DI SEGNALETICA E PAVIMENTAZIONI SPECIALI NEI TRATTI A MAGGIORE INCIDENTALITA',LA RIQUALIFICAZIONE DI OLTRE 2.600 KM DI BARRIERE SPARTITRAFFICO ANCHE CON L'INSTALLAZIONE DI BARRIERE DI "NUOVA GENERAZIONE",LA CHIUSURA DI TUTTI I 1.900 VARCHI APERTI SULLO SPARTITRAFFICO CON STRUTTURE MOBILI,LE CAMPAGNE DI EDUCAZIONE CONTRO I RISCHI DELLA VELOCITA',DELL'ALCOOL E DEL COLPO DI SONNO ( DUE MILIONI DI CAFFE' GRATIS DISTRIBUITI DI NOTTE )      
MA C'E' UN'INIZIATIVA CHE CI DIFFERENZIA DA TUTTI GLI ALTRI GESTORI DI RETI VIARIE NEL MONDO : IL TUTOR,OVVERO IL SISTEMA DI CONTROLLO DELLA VELOCITA' MEDIA CHE ABBIAMO IDEATO,FINANZIATO E INSTALLATO IN OLTRE 2.500 KM DI RETE.LA GESTIONE DI QUESTA TECNOLOGIA E' AFFIDATA ALLA POLIZIA STRADALE E PERTANTO,LE RELATIVE SANZIONI SONO EMESSE E INCASSATE DIRETTAMENTE DALLO STATO.      
GRAZIE AL TUTOR ABBIAMO DIMEZZATO LA MORTALITA' ANNO SU ANNO E POSSIAMO OGGI ANNUNCIARE DI ESSERE ANDATI BEN OLTRE GLI OBIETTIVI CHE CI ERAVAMO POSTI.DAL 1999 AD OGGI IL TASSO DI MORTALITA' SI E' ABBASSATO DA 11,4 A 3,2 ( - 72%).IL CHE VUOL DIRE CIRCA 300 MORTI IN MENO SULLA STRADA ALL'ANNO.MA NON CI SAREMMO RIUSCITI SENZA IL VOSTRO CONTRIBUTO.E' PER QUESTO CHE VI CHIEDIAMO DI CONTINUARE A GUIDARE CON RESPONSABILITA' E PRUDENZA,SEMPRE.      
AUTOSTRADE//PERL'ITALIA"
questo è quanto riportato nella pubblicità sulla pagina di giornale,ora mi chiedo perchè non fanno pari pubblicità per quante vite hanno rovinato il 17/12/2010 sull' autostrada per pochi centimetri di neve?



angela

locked

Skin by GosubJ